Quantcast

Coronavirus: addio alle zone arancioni e gialle, al loro posto il blu

Più informazioni su

Coronavirus: addio alle zone arancioni e gialle, al loro posto il blu. Sul fronte del Covid si va verso una semplificazione generale delle regole. Dopo la riduzione degli obblighi di Didattica a distanza per le scuole, ora sono in arrivo anche novità per i colori delle Regioni che già da tempo sono di fatto ignorati dagli italiani.

Zona bianca, gialla, arancione, infatti potrebbero avere i giorni contati. È atteso per la prossima settimana il decreto legge o più probabilmente il Dpcm (Decreto della presidenza del Consiglio) semplificazione del sistema a colori, come richiesto da tempo dalle stesse Regioni. Non solo. Nei prossimi giorni, inoltre, dovrebbero arrivare anche importanti novità sulla durata del Green Pass per chi ha ricevuto tre dosi di vaccino.

Ma esattamente quali novità sono in arrivo per le zone? Come detto in futuro i colori delle zone dovrebbero essere ridotti a due sulla base della nuova situazione pandemica che vede un alto numero di contagi ma un relativamente basso numero di ricoveri. Dovrebbe essere prevista pertanto una distinzione fra due “aree di rischio”: una rossa (che scatterebbe quando la situazione degli ospedali sarebbe vicina al collasso) e una maxi-area di un altro colore, forse il blu.

Del resto, “eliminare” le zone bianche, gialle e arancioni è una scelta di cui non si accorgerà quasi nessuno. Oggi giusto in zona arancione scattano alcune limitazioni per i non vaccinati fra le quali l’autocertificazione. Ma si tratta di indicazioni incontrollabili da parte delle forze dell’ordina, perché ormai i vaccinati sono quasi 50 milioni e per loro in bianca, gialla o arancione praticamente non cambia nulla.

Fonte Il Mattino

Più informazioni su

Commenti

Translate »