Quantcast

Vico Equense oggi festeggia i santi Patroni Ciro e Giovanni

Più informazioni su

    Vico Equense oggi festeggia i santi Patroni Ciro e Giovanni . Positanonews fa gli auguri a tutta la comunità vicana , che ci legge anche dall’estero, e a tutti i Ciro e Giovanni .

    Sante Messe ore 6-7-8:30-10-11:45-15:30
    Ore 17:00 Solenne Celebrazione Eucaristica alla Presenza del Sindaco e delle autorità civili e militari. Al termine benedizione della città con le Reliquie
    Ore 18:30 canto del vespro solenne e benedizione eucaristica
    Ore 20:00 ultima celebrazione eucaristica.
    La chiesa resterà aperta dalle ore 5.30 alle ore 22:00
    Non ci sarà la processione e neanche la tradizionale fiera , scelte legate alla curva pandemica per il Covid, ci auguriamo che l’anno prossimo ci sarà una gran festa per la fine di questa pandemia. Auguriamo a tutti i vicani e le vicane di passare una serena e gioiosa giornata .
    A Vico e tutt”e tridece Casale,
    se stanno appriparà p’avvenimente:
    a fin”e mese è festa patronale:
    San Ciro nuosto jesce ‘nmiez”a ggente.
    Quann”a fine ‘e Gennaio s’avvicina,
    tòrnano a’ casa pure ll’emigrante:
    da ‘a Francia, da ‘o Brasile, ‘a ll’Argentina…
    Vonn’essere presente tutte quante.
    Cuperte ‘e pizzo appese a ogne fenesta,
    sciure, bandiere….e che bell’allummata!
    S’hanno dato da fà, ‘e maste ‘e festa.
    Vedisseve po’, ‘a chiesa appriparata!
    E’ overo, pure a Puortece sta ‘o Santo
    ca è venerato comm’a chillo ‘e Vico;
    ma ‘a storia dice (e pe’ nuie è nu vanto),
    ca ‘o culto nuosto è
    assaie, assaie chiù antico.
    ‘E piscature, comm’a tutte ll’anne,
    vestute janche e blu, pe’ devuzione
    hann’a purtà a San Ciro e San Giuvanne,
    pe’ Vico, a spalla. E’ na tradizione.
    San Cì! Famme sta bbona ‘a criatura!
    ‘A miez”a ggente, ‘a supplica ‘e na mamma,
    ll’aìza ncielo cu ‘a panzella annura.
    Pur’essa cu nu filo ‘e voce ‘o chiamma.
    Na femmena cu ‘o chianto rutto mpietto,
    ‘o parla a tu e tu. Comm’a nu frato:
    Màritemo, tu ‘o ssaie, sta int”a nu lietto;
    fancélla ‘a grazia, s’è raccumannato!
    ‘E sape bbuono chille chiù ‘nfelice;
    pare ca ‘e guarda ‘nfaccia a uno a uno.
    Nun te preoccupà, pare che dice,
    io n’aggio abbandunato maie a nisciuno.
    ‘A ccà e ‘a llà d”e strade, a centenare,
    ‘o popolo ll’accoglie a bbraccia stese,
    e sott”e tracche e bbotte d”e murtare,
    se va a ffà tutt”o giro d”o paese.
    Nun se sparagna, ch’è, nu vecariello,
    ca è stritto e s’avarria fermà ogne tanto.
    ‘Na mamma piglia mbraccio ‘o guagliunciello:
    guarda a San Ciro, dice, e crisce santo!
    In memoria di Antonio Cavallaro

    Più informazioni su

      Commenti

      Translate »