Quantcast

Napoli, azienda ricerca receptionist chiedendo foto in costume: l’assessore al lavoro Chiara Marciani: “Scandaloso”

Più informazioni su

Napoli, azienda ricerca receptionist chiedendo foto in costume: l’assessore al lavoro Chiara Marciani: “Scandaloso”.

L’annuncio è diventato virale in poco tempo: “Si richiede come figura una donna che parli inglese e abbia massimo 30 anni, per 500 euro al mese per 24 ore a settimana.”

L’Assessore al lavoro, Chiara Marciani, risponde : «Scandaloso. Questi annunci non aiutano, lavoriamo su parità femminile e salariale»

L’Azienda richiesta si occupa di vigilanza e di organizzazione eventi e receptionist. Attraverso l’annuncio ha affermato di ricercare, nello specifico, una lavoratrice, donna, per un posto presso di lavoro presso il Centro Direzionale di Napoli.

A diffondere la notizia è stato SkyTG24 in un articolo pubblicato ieri 26 gennaio.

L’annuncio di lavoro è diventato virale nell’immediato e ha scaturito imbarazzo e indignazione soprattutto tra le donne. Imbarazzante era anche l’offerta economica proposta, ovvero 500 euro al mese.

Chiara Marciani, assessore alle politiche giovanili e al Lavoro del Comune di Napoli, ha affermato:

“Vogliono una foto in costume da bagno? Ma che annuncio assurdo – in una nota inviata all’Ansa – è un annuncio non adatto, sono scandalosi ma lo sono sotto tanti punti di vista, a partire dalla ricerca di una donna con meno di 30 anni e dello stipendio che è assurdamente poco adatto all’impegno e all’attività che si richiede”.

Continua poi l’assessore alle politiche giovanili:

“Resta il problema del sessismo, sono tante le norme che aiutano le donne nella ricerca di occupazione, lavoriamo sulle dimissioni in bianco, sulla donna incinta costretta al licenziamento. Ci sono annunci assurdi e anche tanti temi seri su cui lavorare, soprattutto in una città come Napoli che ha occupazione molto bassa delle donne. Questi annunci non aiutano. Lavoriamo sempre su parità femminile e parità salariale”.

Più informazioni su

Commenti

Translate »