Quantcast

MSC. EMILIO LA SCALA IN UN ARTICOLO DI CRUISE INDUSTRY NEWS

Riprendiamo un importante articolo apparso sulla rivista inglese Cruise Industry News dedicato al nostro concittadino Emilio La Scala. Il suo metodo di lavoro,meticolosamente programmato e preciso,  è pietra miliare nel mondo marittimo odierno e nella storia della navigazione in genere.

Generico gennaio 2022

Emilio La Scala, presidente e amministratore delegato di MSC Cruise Management UK, si prepara a un 2022 intenso con circa 150 giorni di bacino di carenaggio per la flotta della compagnia, rispetto ai circa 100 del 2021.

Il 2021 ha visto il lavoro svolto su MSC Orchestra, Poesia, Lirica, Fantasia e Divina, con otto navi destinate al bacino di carenaggio quest’anno presso il cantiere navale Palumbo Malta, dove MSC ora ha una quota di proprietà del 50% nella struttura in posizione strategica.

“Abbiamo una prospettiva futura di 10 anni e una frequenza di bacino di carenaggio impostata in base alle regole e ai regolamenti della società di classificazione”, ha affermato La Scala. “La nostra politica interna garantisce una media di due scali per nave ogni cinque anni, anche se questo può essere modificato in base allo spiegamento.

“Prenotiamo la disponibilità del bacino di carenaggio in un arco di tempo di cinque anni perché la stragrande maggioranza del lavoro che deve essere svolto non può essere eseguita quando la nave è in funzione e il bacino di carenaggio è essenziale per mantenere gli standard più elevati. Naturalmente, le normali attività di manutenzione o ristrutturazione di routine vengono eseguite come e quando richiesto durante gli itinerari indicati dalle nostre navi.

Due nuove navi consegnate nel 2021, la MSC Virtuosa e la Seashore, hanno già in atto i loro piani di bacino di carenaggio per i prossimi cinque anni, ha affermato La Scala.

C’è una tendenza verso indagini e ispezioni più remote? Fino a un certo punto.

“Anche con la pandemia a terra, la maggior parte delle indagini e delle ispezioni continuano a essere svolte in loco, sebbene vi sia un certo grado di lavoro a distanza”, ha spiegato La Scala. “Una parte essenziale del nostro protocollo di salute e sicurezza leader del settore che MSC Crociere ha introdotto nell’estate 2020 è stato quello di garantire l’ambiente di lavoro più sicuro a chiunque si unisse alle nostre navi come tecnico o ispettore.

“La loro salute e sicurezza erano importanti, ovviamente, quanto quella di tutti i nostri ospiti, membri dell’equipaggio e delle comunità dove fanno scalo le nostre navi”.

Generico gennaio 2022

Emilio La Scala, president and managing director, MSC Cruise Management UK, is preparing for a busy 2022 with approximately 150 drydock days for the company’s fleet, up from roughly 100 in 2021.

2021 saw work done on the MSC Orchestra, Poesia, Lirica, Fantasia and Divina, with eight ships set to drydock this year at the Palumbo Malta Shipyard where MSC now has a 50 percent ownership stake in the strategically located facility.

“We have a 10-year future outlook and drydock frequency set according to classification society rules and regulations,” La Scala said. “Our internal policy ensures an average of two stops per ship every five years, although this may be adjusted according to deployment.

“We book drydock availability in five-year time frames because the vast majority of work that needs to be conducted cannot be done when the vessel is in operation, and the drydock is essential to maintain the highest of standards. Of course, regular routine maintenance or refurbishment activities are carried out as and when required during any of our vessels’ given itineraries.”

Two new ships delivered in 2021, the MSC Virtuosa and Seashore, already have their drydock plans in place for the next five years, La Scala said.

On-site

Is there a trend toward more remote surveys and inspections? To a degree.

“Even with the pandemic ashore, most surveys and inspections continue to be carried out on-site, although there is a degree of remote working,” La Scala explained. “An essential part of our industry-leading health and safety protocol that MSC Cruises introduced in summer 2020 was to ensure the safest work environment to anyone joining our ships as either a technician or a surveyor.

“Their health and safety was as important, of course, as that of any of our guests, crew and communities where our ships call.”

Emilio La Scala – President and Managing Director – MSC Cruise Management (UK)

In qualità di Presidente e Direttore Generale dell’MSC Cruise Management, Emilio La Scala è alla guida dei dipartimenti Technical Operations e New Building che hanno sede a Stockley Park, nel Regno Unito.

Le sue responsabilità riguardano i programmi per lo sviluppo di tutta la flotta in termini di supervisione e gestione dei progetti delle nuove navi, ristrutturazioni e manutenzione, i programmi per la sicurezza e per la riduzione dell’impatto ambientale, nonché tutte quelle attività rivolte ad assicurare la qualità della flotta a livello globale.

La Scala ha studiato all’Istituto Nautico Bixio di Piano di Sorrento, laureandosi nel 1978. Dopo un’esperienza a bordo delle navi da carico MSC con il ruolo di ufficiale di coperta, ha ottenuto le certificazioni e i requisiti necessari per intraprendere la carriera marittima. Nel 1984 ha iniziato a lavorare come assistente del Direttore Tecnico di MSC, partecipando al rinnovamento e alla riconversione delle navi da carico tradizionali verso le più moderne navi portacontainer.

Nel 1990, in seguito all’acquisizione della SS Monterey da parte di MSC, La Scala è diventato General Manager del Dipartimento Tecnico di MSC Crociere, dirigendo un team di oltre 100 persone incaricate di pianificare, costruire e gestire l’espansione della flotta delle navi MSC Crociere.

Commenti

Translate »