Quantcast

Israele cancella il Green Pass: “Non ha nessuna logica medica”

Più informazioni su

Israele cancella il Green Pass: “Non ha nessuna logica medica”. Israele è il paese che dall’inizio della pandemia ha fatto da apripista per la campagna vaccinale. Infatti, mentre in Italia il governo sta chiedendo un ulteriore sforzo ai cittadini per proseguire con le somministrazioni della terza dose, nel paese del Medio Oriente si prosegue già con la quarta. Il ministero della Salute israeliano, infatti, ha fatto sapere che la quarta dose di vaccino per le persone ultra 60enni offre una protezione tripla contro le malattie gravi e una protezione doppia contro le infezioni.

Intanto, però, come era stato già fatto trapelare dall’autorevole quotidiano Jerusalem, si procede verso la cancellazione del Green Pass, già verso la fine del mese. Il ministro delle Finanze, Avigdor Liberman, nelle scorse ore ha infatti scritto su Twitter che non vi sarebbe alcuna “logica medica ed epidemiologica nel green pass”, aggiungendo anche che questa posizione sarebbe condivisa da “molti esperti”.

“Quello che c’è, invece, è un impatto diretto sull’economia, sul funzionamento quotidiano (del Paese) e un contributo significativo alla diffusione del panico tra i cittadini – aveva precisato il ministro, annunciando di essere impegnato – con tutte le parti per eliminare il green pass e preservare una routine di vita normale per tutti”.

Il numero di persone che contrae il virus nonostante il vaccino o la guarigione è salito alle stelle con la variante Omicron, e tale sistema dunque va cancellato. Che ancora una volta Israele si trovi a tracciare la strada ai tempi della pandemia?

Più informazioni su

Commenti

Translate »