Quantcast

I riflettori puntati sulla compagnia teatrale: “I SognAttori”

Più informazioni su

I riflettori puntati sulla compagnia teatrale: “I SognAttori”.

Si dice che il Teatro è la libertà dell’immaginazione che corre sul sentiero dell’azione: uscire dalla vita reale e entrare in un’altra vita, altrettanto reale. Il Teatro è  arte, memoria, gesti, fratellanza. Un vero e proprio privilegio dell’anima, un luogo dove tutte le emozioni convergono in una condivisa unità di intenti. Sono questi, senza dubbio, i tratti essenziali che pervadono il teatro della compagnia dei SognAttori, nata a maggio del 2019 a Poggiomarino. Per i SognAttori è tempo di salire sul palco, la nuova stagione teatrale è alle porte, pronti, dunque,  ad offrire la loro arte, che rappresenta un volano necessario affinché il pubblico possa riavvicinarsi con passione al teatro.

Ma chi sono i SognAttori? “Siamo prima di tutto un gruppo di amici, con un sogno nel cassetto: Recitare. Coadiuvati dall’amico regista Renato Pascale”.
Qual’è il vostro scopo?
“Il nostro unico scopo è la beneficenza, di fatto, l’intero ricavato è stato devoluto per il pranzo di Natale. Ci inorgoglisce essere utili e soprattutto donarci per una giusta causa”.
Avete seguito corsi di teatro, di recitazione, corsi base?
“Non abbiamo mai recitato, mai frequentato corsi di teatro, ci dilettiamo nelle ore  libere da impegni professionali e diamo sfogo alla nostra passione”.
Di quante persone è composto il gruppo? Possiamo elencarli, uno per uno, per farli conoscere?
“Il nostro gruppo è formato da 19 persone tra cui imprenditori, docenti,e diverse altre categorie professionali. Insomma, un gruppo misto ma soprattutto siamo Amici”, ripetono con orgoglio i SognAttori. Conosciamoli: Rosaria Ammaturo, Parisi Sabatino, Annagrazia Giugliano, Michele Aquino, Antonietta Manna, Antonella Maraolo, Grazia Zepino, Marina Giugliano, Giuseppe Pirozzi, Luigi Nappo, Angelo Guadagno, Costante Teresa, Rossella Vorraro, Lina De Vito, Emilio Bisbiglio, Gino Scarfati, Rosetta Mariniello, Veronica Amaniera ed infine Giovanni Coppola.
In che anno avete debuttato?
“Abbiamo debuttato per la prima volta, nel nostro comune di residenza: Poggiomarino, un piccolo paese della provincia di Napoli, nel 2019, con la commedia dal nome: ” Don Pasqua’ fa acqua a pippa”. Ma il vero trionfo l’abbiamo ottenuto al Politeama di Napoli”. Sottolineano fieri I SognAttori, raccontando di un’esperienza incredibile dove il divertimento diventa protagonista assoluto “del momento che esplode in ognuno di noi durante le prove”.
Quante volte a settimana vi riunite?
“Almeno tre volte a settimana, ed è un “lavoro” completamente amatoriale. Le prove continuano fino a quando non si perfeziona in ognuno di noi l’inperprezazione del personaggio, assegnatoci dal regista Renato Pascale, e vi garantiamo che il vero divertimento è nel provare e riprovare. Un’alchimia perfetta dove scappano risate a crepapelle”.
È un periodo dove non è concesso nemmeno poter fare le prove, la situazione epidemiologica, attualmente, è arrivata al picco dei contagi. Ebbene, quando prevedete di uscire con la vostra prossima commedia?
“Non possiamo stabilire una data, ma ci auguriamo che la stagione estiva possa dare il là alla ripresa. Ci stiamo organizzando. nonostante le difficoltà, e appena sarà possibile, lanceremo il nostro prossimo appuntamento”.
Possiamo avere una chicca per la prossima ?
“Che dire, sicuramente garantiamo tanto divertimento, perché il nostro secondo obiettivo è proprio quello di far divertire il pubblico”.
Tanto divertimento assicurato, ma soprattutto infinita passione, fuoco vivo, intenso, un fuoco che accende i sensi e che catalizza l’animo dei SognAttori ogni qual volta calpestano le tavole da palcoscenico….

Più informazioni su

Commenti

Translate »