Quantcast

Cava de’ Tirreni: aggredisce i volontari della Croce Rossa e tampona l’ambulanza, denunciato

Cava de’ Tirreni: aggredisce i volontari della Croce Rossa e tampona l’ambulanza, denunciato. Ne parla Antonio Di Giovanni in un articolo dell’edizione odierna del quotidiano La Città di Salerno.

Aggredisce gli addetti della Croce Rossa in servizio per l’assistenza domiciliare Covid e per effettuare i tamponi, poi si mette alla guida di un furgone e tampona l’ambulanza utilizzata per le visite a casa. San Silvestro di follia a Cava de’ Tirreni, una delle città della provincia di Salerno più colpita dalla quarta ondata del virus: protagonisti – loro malgrado – gli addetti della Croce Rossa metelliana e un uomo che è stato denunciato dai carabinieri.

Il fatto si è verificato nella serata del 31 dicembre: secondo le prime ricostruzioni, i volontari della Croce Rossa cavese con il presidente Valentino Catino ed alcuni volontari tra cui Gabriella Pisapia, erano alle prese con uno screening per alcune decine di persone che si erano rivolte all’associazione per chiedere delucidazioni in merito alle nuove disposizioni per il Covid. Una serata che, seppur impegnativa, stava trascorrendo in maniera serena quando ad un certo punto un uomo ha iniziato ad inveire contro i volontari con pesanti improperi e gravi minacce rivolte soprattutto al presidente Catino ed ai volontari presenti in quel momento in sede.

Una situazione che, tra parole e grida, è degenerata fino al punto che l’uomo ha aggredito anche fisicamente alcuni volontari i quali, dopo aver chiamato le forze dell’ordine, si sono recati presso il Pronto soccorso dell’ospedale “Santa Maria dell’Olmo” per farsi medicare. E a fare le spese delle tensioni anche l’ambulanza della Croce Rossa con le attrezzature per l’assistenza Covid: l’individuo ora denunciato, infatti, si è messo alla guida di un furgone e ha tamponato il mezzo di soccorso provocando notevoli danni tali da non poter più utilizzare l’ambulanza per alcuni giorni in attesa delle riparazioni.

L’episodio ha amareggiato i volontari della Croce Rossa ed in particolare il presidente della sezione cavese dell’associazione, Valentino Catino: «La mia amarezza non è per l’aggressione subita da me e dai volontari, ma sono amareggiato per il fatto che questo individuo, il quale risponderà alla legge delle sua azioni, ha provocato un danno incalcolabile ai cittadini cavesi poiché il danneggiamento dell’ambulanza ci impedisce di fatto la possibilità di poter effettuare il nostro lavoro come per esempio il prelievo dei tamponi a casa di anziani e persone fragili, con notevole disagio per loro e soprattutto in virtù della situazione emergenziale che abbiamo a Cava de’ Tirreni. Fermare la nostra azione corrisponde ad un vero e proprio “delitto sanitario”».

Cava de' Tirreni: aggredisce i volontari della Croce Rossa e tampona l'ambulanza, denunciato

Commenti

Translate »