Quantcast

Caso Djokovic, il governo australiano cancella di nuovo il visto. Pronto il ricorso

Più informazioni su

Il caso Djokovic sembra non volersi concludere. Il governo australiano ha infatti cancellato il visto del tennista a distanza di pochi giorni. Ecco il comunicato: “Oggi ho esercitato il mio potere ai sensi dell’articolo 133C(3) della legge sulla migrazione di annullare il visto di Novak Djokovic per motivi di salute e buon ordine, sulla base del fatto che ciò fosse nell’interesse pubblico. Questa decisione arriva dopo le ordinanze del Circuito federale e del tribunale della famiglia del 10 gennaio 2022 che ha annullato una precedente decisione per motivi di equità procedurale. Nel prendere questa decisione, ho considerato attentamente le informazioni fornitemi dal Dipartimento degli affari interni, dall’Australian Border Force e dal signor Djokovic. Il governo Morrison è fermamente impegnato a proteggere i confini dell’Australia, in particolare in relazione alla pandemia di Covid”. Pronto il ricorso degli avvocati del serbo che faranno il possibile per farlo scendere in campo lunedì prossimo.  Novak, però, ha anche ammesso di aver infranto le regole della quarantena quando era positivo, uscendo di casa perché: “Mi sono sentito in dovere di fare l’intervista a L’Equipe in quanto non volevo deludere il giornalista”. Questo gesto potrebbe addirittura costargli 5 anni di carcere. Seguiremo gli sviluppi della situazione.

Più informazioni su

Commenti

Translate »