Quantcast

Capri, il sindaco Marino Lembo: “Il nemico è il virus, non chi lo combatte”

Capri. Riportiamo il messaggio rivolto dal sindaco Marino Lembo ai suoi cittadini in questo momento di emergenza sanitaria: «Cari Capresi, sento la necessità di sottoporvi alcune mie riflessioni alla fine di questo lungo periodo di festività, così come avevo fatto prima di Natale.
Innanzitutto esprimo la mia solidarietà, e quella dell’intera amministrazione, al Dott. Bruno D’Orazi. Persona da tutti riconosciuta come pacata e competente, vittima di insulti inaccettabili sui social in queste ore solo per aver diffuso – in qualità di assessore competente – in maniera trasparente e serena dati e informazioni sull’andamento della pandemia.
Vedete, come già ho avuto modo di dire, io capisco le ragioni di tutti. E capisco anche chi è esasperato da questa situazione, soprattutto in questi giorni in cui i numeri dei contagi sono tornati a crescere a dismisura. Però – e lo dico con forza – una cosa è manifestare legittimamente la propria opinione, condivisibile o meno che sia. Altra cosa è esacerbare il dibattito con offese e diffusione di dati o informazioni non veritiere.
In questo modo non si offende il singolo, ma si offende la comunità. Non si onora, ma si calpesta il lavoro encomiabile di tutto il personale sanitario e parasanitario, delle forze dell’ordine e di polizia, della protezione civile, dei volontari, delle associazioni. Ai quali dobbiamo continuamente invece dire grazie.
C’è stato dall’inizio uno sforzo compatto e straordinario che ha unito la nostra isola e ci ha consentito, insieme, di andare avanti.
E io difendo, con forza, tutto quanto è stato fatto dalla nostra amministrazione – in sinergia con quella di Anacapri e con le altre istituzioni – per proteggere la comunità isolana fin da subito. Siamo stati a presidio del territorio sempre. Abbiamo ascoltato tutti. Siamo intervenuti tempestivamente. Abbiamo fatto il possibile e, in alcuni casi, anche l’impossibile.
Abbiamo tassi di vaccinazione superiori alla media nazionale. Sulle terze dosi siamo al 60%.
C’era stata recentemente una – legittima – polemica sulle disparità di trattamento per chi, da domani, avrebbe potuto usufruire dei collegamenti marittimi solo con il green pass rafforzato. Senza fare proclami, di concerto con l’Associazione nazionale delle isole minori, abbiamo ottenuto una deroga. Su altri fronti siamo intervenuti e su altri interverremo. Ovviamente nel perimetro delle competenze amministrative che ha un Comune. Che sono diverse da quelle delle regioni e del governo.
Ad ogni modo, faccio un appello – accorato – a tutti, e sottolineo a tutti: teniamo presente che il nemico è il virus, non chi la pensa diversamente da noi.
I fatti ci dicono che, grazie ai vaccini, i tassi di ospedalizzazione si riducono notevolmente e le percentuali di finire in terapia intensiva sono ancora più basse. I fatti ci dicono che grazie a comportamenti virtuosi possiamo contenere la diffusione del contagio.
Per questo chiedo di affrontare le prossime settimane con grande senso di responsabilità. Continuiamo a vaccinarci, continuiamo a evitare situazioni di assembramento.
L’amministrazione c’è. E’ presente. Previene e interviene.
Ognuno si senta investito della responsabilità, con il proprio comportamento – parole e azioni – di essere parte attiva e virtuosa in questa lotta contro il virus. E magari pensiamo un po’ meno ai social, ma più a ritornare quanto prima ad una sana vita sociale.
Dobbiamo vincere, uscirne più forti come comunità. E far ripartire subito economia, lavoro e sviluppo.
Andiamo avanti, con coraggio e determinazione».

Commenti

Translate »