Quantcast

Campania: da lunedì stop ai ricoveri ospedalieri

Campania: da lunedì stop ai ricoveri ospedalieri. A partire da domani, lunedì 10 gennaio 2022, la sanità pubblica campana subirà un altro duro colpo: la Campania, infatti, ha disposto a partire da domani e fino a nuova disposizione, la sospensione dei ricoveri programmatici sia medici che chirurgici nelle strutture sanitarie pubbliche, stabilendo la possibilità di effettuare solo ricoveri con carattere d’urgenza non differibili provenienti dal Pronto Soccorso o per trasferimento da altri ospedali.

Nell’ordinanza della Regione sul Covid e sullo stop scolastico firmata dal governatore Vincenzo De Luca, in seguito alle indicazioni dell’Unità di Crisi regionale, si legge infatti che è stata disposta

a) la sospensione, a far data dal 10 gennaio 2022 e fino a nuova espressa disposizione, dei ricoveri programmati sia medici che chirurgici presso le Strutture sanitarie pubbliche stabilendo la possibilità di effettuare solo ricoveri con carattere d’urgenza “non differibili” provenienti dal Pronto Soccorso o per trasferimento da altri Ospedali, con la precisazione che tale sospensione è valida per tutti i ricoveri programmati, ad eccezione dei ricoveri per pazienti oncologici, oncoematologici, di pertinenza ostetrica, trapiantologica, nonché delle prestazioni salvavita e di quelle la cui mancata erogazione può pregiudicare nell’immediato la salute del paziente e, pertanto, non procrastinabili;

b) la sospensione, a far data dal 10 gennaio 2022 e fino a nuova espressa disposizione, di tutte le attività di specialistica ambulatoriale, nelle medesime strutture, che non siano caratterizzate da urgenza o indifferibilità (attività ambulatoriali per le prestazioni di oncologia, oncoematologia, dialisi e radioterapia e attività di screening oncologico);

c) che il personale che si libera dalla gestione ordinaria deve essere destinato all’attività di ricovero e trattamento dei pazienti COVID

In questo modo, la Regione spera di anticipare il moltiplicarsi dei contagi in quanto, alla lunga, i numeri delle persone che richiederanno cure, sebbene non per terapie intensive, finiranno col pesare sul sistema sanitario. Il provvedimento di stop consentirà di utilizzare il personale che si libererà nella gestione dei pazienti Covid

La disposizione regionale interesserà, ovviamente, anche l’Ospedale De Luca e Rossano di Vico Equense e quello di Sorrento. Diventa, così, di nuovo attuale quello striscione che capeggiava all’entrata dell’ospedale di Vico Equense: «Non si muore solo Covid», messo in bella vista quando fu chiuso il pronto soccorso, più di un anno fa.

Qui l’ordinanza.

Commenti

Translate »