Quantcast

Body shaming ad Agropoli: accusato un politico

Più informazioni su

Body shaming ad Agropoli: accusato un politico. Come riportato su diversi siti web.

L’accusa è di body shaming. A muoverla, nei confronti di un giovane politico, sono stati dei ragazzi agropolesi, destinatari attraverso Instagram di messaggi offensivi relativi al loro aspetto fisico. Questo – come riporta il sito web infocilento.it – il tenore dei messaggi “Fisicamente parlando sei qualcosa di mostruoso”; “Se metti un po’ di chili diventi una bella ragazza, così veramente sei orribile”; “se io ero come te mi facevo schifo”. Non è ancora chiaro se gli insulti siano arrivati a margine di una lite, uno scambio di accuse o meno, fatto sta che simili espressioni sono comunque da censurare. I ragazzi agropolesi si dicono offesi e turbati per le critiche ricevute per il loro aspetto fisico e non vogliono che tutto ciò passi inosservato, anche per evitare che certi comportamenti vengano replicati con altri giovani incapaci di difendersi e di reagire alle accuse.

 

Che cos’è il Body shaming ?

Come riporta Wikipedia.

Il body shaming o derisione del corpo è l’atto di deridere/discriminare una persona per il suo aspetto fisico; quasi qualsiasi caratteristica fisica può essere presa di mira: l’adiposità o la magrezza, l’altezza o la bassezza, la presenza, l’assenza o la cura della peluria corporea, il colore dei capelli e l’acconciatura, la forma e le dimensioni del pene, del seno, del bacino o delle natiche, la muscolatura, la presenza o meno di tatuaggi o piercing, o anche malattie e disturbi considerati antiestetici come l’acne e la psoriasi.

Più informazioni su

Commenti

Translate »