Quantcast

Aumentano i contagi in penisola sorrentina. Siamo certi che tutti i positivi rispettino la quarantena?

Più informazioni su

Una sorta di psicosi sembra essersi impossessata dei cittadini della penisola sorrentina e zone limitrofe. E, come sempre accade nelle situazioni di emergenza, si creano anche le famose leggende metropolitane che, grazie ai social, si diffondono con rapidità contribuendo ad aumentare ancora di più il senso di ansia e paura nelle persone più sensibili.
Tra le tante storie che girano c’è, ad esempio, quella del medico che nel recarsi a fare la spesa in un supermercato si accorge della presenza di tre suoi pazienti dei quali pochi giorni prima lui stesso aveva dichiarato la positività al Covid. Il racconto prosegue con il medico che, preoccupato, si rivolge al titolare dell’esercizio commerciale il quale decide di utilizzare il megafono per richiamare i tre positivi affinché si rechino in direzione in attesa dell’arrivo delle forze dell’ordine. Ed a sorpresa all’appello rispondono ben sette persone, tutte positive.
Questa ovviamente, come già detto, è una storiella che gira sui social utilizzando la diffusione stile “catena di Sant’Antonio”, ma la triste realtà (un po’ come la morale delle favole) è che in circolazione ci sono persone positive che non rispettano la quarantena mettendo a rischio la salute degli altri cittadini.
Non ci resta che sperare che, una volta ricevuto l’esito positivo del tampone, i contagiati rispettino la quarantena in modo responsabile altrimenti conteremo sempre nuovi casi ed il ritorno alla normalità si allontanerà sempre di più.

Più informazioni su

Commenti

Translate »