Quantcast

Amalfi, caos trasporti per gli studenti: i genitori scrivono a De Luca

Più informazioni su

Amalfi, caos trasporti per gli studenti: i genitori scrivono a De Luca. Continua il caos dei trasporti per gli studenti della Costiera Amalfitana. Il rientro dei ragazzi, in particolare per l’istituto Marini Gioia di Amalfi, è stato complicato. Il servizio di trasporti messo a disposizione dei giovani della Costa d’Amalfi risulta essere insufficiente, tanto da aver spinto i rappresentanti a lanciare una petizione sul portate Change.org.

Gli studenti, infatti, sono costretti a viaggiare ammassati all’interno degli autobus. Altre volte, invece, sono gli stessi autisti a non fermare i bus perché troppo pieni. Inutile anche la richiesta di Dad da parte dei ragazzi.

I genitori dei ragazzi, però, non si sono persi d’animo, ed hanno scritto una lettera indirizzata al preside, al prefetto di Salerno, al sindaco, alla Sita, al presidente della Conferenza dei Sindaci della Costiera Amalfitana ed al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, per comunicare le motivazioni che hanno spinto la maggioranza degli studenti ad assentarsi da scuola nella giornata di ieri.

Consapevoli del grande lavoro che le istituzioni stanno compiendo in questo momento storico-sociale così difficile, in particolar modo dei Sindaci costieri, che fortemente si sono adoperati per tutelare i ragazzi e le famiglie, attraverso la proroga della chiusura delle scuole a partire dal 10 gennaio, riteniamo ci siano ad oggi gravi inadempienze che ci preoccupano non poco in merito alla ripresa della didattica in presenza.

Dal mancato screening sui ragazzi prima della riapertura, alla gravissima sospensione dei servizi di trasporto aggiuntivi proprio per fronteggiare l’emergenza Covid. Non e’ nuovo a chi ci legge che già in tempi non di pandemia, i mezzi di trasporto che consentono ai ragazzi che vivono in Costiera di raggiungere la Scuola e di ritornare a casa sono INSUFFICIENTI, figuriamoci ora, che per rispettare le normative relative al distanziamento e quindi garantire SICUREZZA ai nostri ragazzi, la capienza dei mezzi deve essere ridotta.

Chiediamo il ripristino ad horas dei servizi di trasporto aggiuntivi, al fine di garantire il rispetto delle disposizioni governative anti contagio e che tale servizio resti fruibile anche dopo la pandemia, perché se e’ vero che alle istituzioni preme la formazione scolastica dei nostri ragazzi, non si può’ prescindere dal garantirne i minimi ed essenziali servizi per poterne beneficiare.

Ringraziando per l’impegno profuso in ogni campo per fronteggiare questo difficile momento, auspichiamo un ulteriore sforzo per consentire ai nostri ragazzi una ripresa delle lezioni in presenza realmente sicura e adeguata ai tempi che stiamo vivendo, certi di essere ascoltati, compresi e aiutati.

Qui l’allegato.

Più informazioni su

Commenti

Translate »