Quantcast

Al via le elezioni: chi siederà al Quirinale? segui la diretta

Più informazioni su

Iniziano oggi le votazioni per eleggere il tredicesimo presidente della Repubblica. La convocazione da parte del presidente della Camera, Roberto Fico, era per le ore 15: la procedura di voto — già normalmente complessa — è stata ulteriormente complicata, quest’anno, dalle norme messe in atto contro la pandemia di Covid. I partiti arrivano all’appuntamento del primo voto senza un’intesa su un nome: è molto probabile dunque che oggi la stragrande maggioranza dei grandi elettori voterà scheda bianca. Le trattative tra i leader di partito sono però in corso, e la giornata — prima, durante e dopo il voto — sarà colma di incontri e telefonate.

Bossi al voto

Tutto è pronto, le operazioni di voto sono ormai partite, con il presidente della Camera, Roberto Fico, che ha pubblicato su Instagram uno scatto delle cosiddette insalatiere, le urne in cui i grandi elettori depositeranno le loro preferenze. Umberto Bossi, fondatore della Lega, è stato il primo dei grandi elettori a rispondere alla chiama e a depositare la scheda nell’urna. Il Senatùr è stato accompagnato in aula in sedia a rotelle. I grandi elettori per la seduta di oggi sono 1008 (domani torneranno ad essere 1009, quando al deceduto Vincenzo Fasano subentrerà Maria Rosa Sessa, prima dei non eletti nello stesso seggio).

I nomi

Occhio al dietrofront sull’attuale Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il nome del Capo dello Stato torna in auge, soprattutto per il segretario Enrico Letta, con il premier Mario Draghi ancora in lizza. Intanto il centrodestra cerca un nome comune: dopo il forfait di Silvio Berlusconi riecheggia il nome di Maria Elisabetta Casellati e il coordinatore di Forza Italia Antonio Tajani, per approdare a Franco Frattini, due volte ministro degli Esteri nei governi Berlusconi.

Più informazioni su

Commenti

Translate »