Quantcast

Sciame sismico in Campania: 9 scosse in un giorno

Più informazioni su

Sciame sismico in Campania: 9 scosse in un giorno. Ormai sono tre giorni che la terra trema nei Campi Flegrei: come riporta Fanpage, nella sola giornata di ieri, la zona del supervulcano e in particolare Pozzuoli – che potremmo definire l’epicentro, spesso, dei fenomeni sismici – è stata attraversata da un vero e proprio sciame sismico, con nove scosse di terremoto che si sono susseguite a partire dalle prime luci e fino alle 14.30 circa.

Il primo evento si è verificato all’1.12, mentre l’ultimo alle 14.29, con epicentri differenti, dal lungomare di via Napoli fino alla parte alta di Pozzuoli, ovvero quella dell’anfiteatro Flavio e del vulcano Solfatara: almeno quattro le scosse distintamente avvertite dalla popolazione, che come spesso accade sono state precedute da un boato, di cui la più intensa è stata quella delle ore 10.40, di magnitudo 1.4 della scala Richter. Come spesso accade nell’area di Pozzuoli e dei Campi Flegrei, attraversata dal bradisismo – innalzamento e abbassamento del suolo – le scosse si sono verificate a una profondità molto esigua.

Lo sciame sismico della giornata odierna fa seguito ai due terremoti che hanno fatto tremare la terra nei due giorni precedenti, ovvero a Natale e a Santo Stefano. Lo scorso 25 dicembre, infatti, Pozzuoli è stata scossa da un terremoto di magnitudo 1.7, distintamente avvertito dalla popolazione. Il giorno seguente, vale a dire ieri, 26 dicembre, una nuova scossa, di magnitudo 1.8 della scala Richter, con epicentro la zona del lungomare, è stata distintamente avvertita dagli abitanti in diversi quartieri della città flegrea. In molti, come spiegato prima, hanno avvertito anche in questi due casi un forte boato prima della scossa.

Più informazioni su

Commenti

Translate »