Quantcast

Piano di Sorrento, l’opposizione sul centro polifunzionale: “Infiltrazioni e muffe”. Interpellanza al comune

Il consigliere comunale d’opposizione ed ex sindaco di Piano di Sorrento, Vincenzo Iaccarino, con gli altri membri della minoranza ha indirizzato una nota all’attuale sindaco Salvatore Cappiello e ai consiglieri. L’oggetto verte sulla vicenda del centro polifunzionale di via Cavottole, che fino ad alcuni mesi fa era gestito dal Forum dei Giovani per poi passare nelle mani del comune. Riportiamo integralmente l’interrogazione dell’opposizione al sindaco.

Ci piace immaginare che essere “dei buoni Amministratori” significhi gestire la macchina comunale proprio come un orologiaio sa riparare un orologio: a volte non si può “apparare” un ingranaggio rotto ma bisogna andarlo a sostituire. Proprio per questo motivo noi del gruppo consiliare “Piano nel Cuore” abbiamo deciso di portare all’attenzione della nuova Amministrazione comunale lo stato del Centro polifunzionale giovanile di via Cavottole.

Aperto all’utenza dal 3 agosto 2021 è stato prima gestito dal Forum dei Giovani e poi, a partire da novembre, è stato preso nuovamente in carico dal Comune. Ad onor del vero va detto che la nuova Amministrazione si è trovata a dover gestire da zero un “servizio” che finora non era mai stato veramente attivato e gestito direttamente dal Comune (era sì in uso per alcuni specifici progetti, ma non aperto all’utenza). Nelle ultime settimane alcuni nostri concittadini ci hanno inviato segnalazioni e foto riguardanti sia lo stato della manutenzione dei locali (infiltrazioni e presenza di muffe) sia della pulizia degli stessi, chiedendo un nostro intervento al fine di tutelare sia l’integrità della struttura che loro stessi.

Abbiamo deciso di accogliere queste richieste e farcene da portavoce direttamente in Consiglio comunale, chiedendo spiegazioni:

– sulle motivazioni che hanno portato alla sospensione del servizio, in alcuni giorni e in alcune fasce orarie, senza alcuna comunicazione nei confronti dell’utenza che occupa la “sala studio” centrale;

– sulla programmazione (o meno) della manutenzione dei lucernari, dai quali sono presenti cospicue infiltrazioni d’acqua piovana che non sono stanno danneggiando la struttura ma, soprattutto, possono rappresentare un potenziale rischio per la salute di tutti i fruitori;

– in merito al servizio di pulizia dei locali che non è sufficiente a garantire quello che potremmo definire “uno standard minimo”, così importante soprattutto durante questo periodo emergenziale che stiamo vivendo a causa del Covid-19;

– su come si pensa di gestire la struttura in futuro.

Attendiamo la risposte del Sindaco Cappiello e degli Assessori preposti in merito a queste questioni e ci auguriamo, nell’esclusivo interesse dei nostri Giovani e della comunità tutta, che queste problematiche che abbiamo sollevato vengano risolte nel minor tempo possibile.

centro polifunzionale piano

Commenti

Translate »