Quantcast

Natale, la mappa di mercatini e feste annullati: l’Italia si prepara all’ondata Omicron. Concerti a Roma, Bari e Terni

Numeri contingentati e tutti seduti con la mascherina e il Green pass rafforzato. Il Capodanno a Roma con il concerto al Circo Massimo di Tommaso Paradiso, Coez e Blanco dovrebbe essere così. Dovrebbe perché bisogna capire se il Lazio entrerà o no in zona gialla. Ma soprattutto come ha detto il sindaco Roberto Gualtieri bisogna monitorare attentamente l’evoluzione dei contagi. In altre parole: la nuova variante Omicron ha sparigliato le carte e costringe a nuovi provvedimenti anti assembramento. Le feste di Capodanno in piazza sono sicuramente un’occasione di assembramento: ecco perché in Campania saranno vietate. Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha infatti deciso di proibire le feste in piazza in tutto il territorio regionale. Dello stesso avviso è il presidente ligure Giovanni Toti per cui è meglio che prevalga la prudenza, in questo momento. «L’anno scorso eravamo tutti chiusi nelle nostre case senza nemmeno poter vedere i familiari ma quest’anno Capodanno ognuno lo potrà fare nei locali, nei ristoranti e nelle case private. Certo, ammucchiare in piazza molte migliaia di persone che con lo spirito della festa si abbracciano e festeggiano insieme sarebbe stato in azzardo di troppo cui possiamo rinunciare», ha detto Toti. Non ci saranno i concerti in piazza la sera del 31 dicembre né a Sestri Levante e né a Rapallo.

L’incertezza regna un po’ dappertutto, le amministrazioni locali stanno cercando di disegnare un Natale all’insegna della tradizione ma anche della prudenza. L’obbligo delle mascherine è il provvedimento più gettonato tra i sindaci che prevedono assembramenti durante le giornate festive e prefestive. Il miglior modo per muoversi in sicurezza resta sottoporsi al vaccino e poi proteggere naso e bocca con una mascherina. E infatti per attivare molti mercatini di Natale, le amministrazioni hanno anche ordinato l’obbligo di mascherina: non c’è uno senza l’altro.

A Napoli il sindaco Gaetano Manfredi annuncia un’ordinanza per la vigilia di Natale e una per Capodanno: «È chiaro che, con un aumento dei contagi come quello che stiamo vivendo, fare una festa di piazza è molto complicato. Noi già ci stiamo attrezzando per una soluzione alternativa», ha spiegato.

Concerti annullati
A Mantova niente festa in piazza: il 3 dicembre scorso il sindaco Mattia Palazzi ha comunicato la decisione sulla sua bacheca social: «Abbiamo scelto di rinunciare al concertone in piazza per Capodanno. Adesso la priorità è tenere sotto controllo la situazione pandemica, evitando eventi che creerebbero grandi assembramenti e vaccinarsi tutti». Un utente gli ha chiesto di ripensarci ma il primo cittadino, che oggi 14 dicembre ha anche firmato un’ordinanza che rende obbligatorio l’uso delle mascherine anche all’aperto, ha risposto che è la scelta razionale migliore in questo momento: «Le persone starebbero in piedi e tutte attaccate, non si può certo mettere le persone sedute al freddo in pieno inverno all’aperto. Inoltre i flussi di ingresso e uscita sarebbero altrettanto ingestibili nel distanziamento. La scelta è stata valutata razionalmente».

Non ci sono concerti in programma a Treviso, a Venezia. E neppure a Trieste, Padova, Verona, Ravenna, Reggio Emilia. Così come a Palermo, Pescara, Cagliari, Alghero e Olbia.

Una delle pochissime certezze che rimane: il concerto alla Fenice. A Venezia i musei saranno aperti, però. «La normativa nazionale e la situazione sanitaria in Europa sconsigliano, anche per quest’anno, l’organizzazione di eventi di piazza, come concerti e fuochi d’artificio», ha spiegato l’assessore comunale al turismo Simone Venturini. «Pertanto le nostre energie sono state investite per aprire le porte di tutti i musei dal 17 dicembre al 9 gennaio, prevedendo anche l’apertura serale di Palazzo Ducale e del Museo Correr dal venerdì a domenica per tutti gli ospiti che vorranno vivere un’esperienza unica – aggiunge -. Molte le mostre allestite in città nelle istituzioni museali pubbliche e nelle fondazioni private. Grande protagonista anche il Teatro La Fenice, che ha predisposto un cartellone che culminerà con l’attesissimo concerto di Capodanno».

Concerti in diretta tv solo a Bari e Terni

Bari e Terni sono le città che ospiteranno i concerti che verranno trasmessi in diretta tv. Rispettivamente Canale 5 e Rai Uno seguiranno in diretta il tradizionale countdown con un palco allestito per l’occasione. Si tratta di allestimenti all’aperto con posti assegnati e limitati. Gli spettatori dovranno essere muniti di Green pass

E allora come festeggeremo Capodanno?
L’Italia sarà in zona bianca con alcune regioni in zona gialla. Le feste più che in piazza saranno al chiuso, in casa. Perciò se tra gli invitati c’è anche qualcuno che il vaccino proprio non se lo vuole fare è un’ottima idea chiedergli di eseguire almeno un tampone. Si può festeggiare al chiuso, magari in un ristorante: anche in questo caso, se i commensali sono tutti vaccinati si può pensare a un cenone che comprenda una tavolata con molte persone. Diversamente non si può: l’amico No Vax non potrà essere invitato, il tampone per mangiare in un locale al chiuso non basta.

La Befana di piazza Navona e i mercatini

Per il secondo anno consecutivo non ci sarà il mercatino di Natale a piazza Navona a Roma. Nella Capitale è questa una delle immagini più forti di un Natale ancora imbrigliato in restrizioni e divieti. C’è una debole ipotesi di organizzare sulla piazza, in occasione del giorno della Befana o dei giorni precedenti, una manifestazione istituzionale sempre nel rispetto delle norme anti-covid e senza valenza commerciale. Ma è ancora un’ipotesi.

Hanno rinunciato ai mercatini di Natale anche località turistiche come Ortisei in Trentino e Selva di Val Gardena. A Bienno in provincia di Brescia, pure, hanno annullato le tradizionali bancarelle in programma durante il ponte dell?immacolata. L’autorizzazione allo svolgimento dei mercatini che erano in programma per il 4, 5 e 8 dicembre è stata revocata a causa l’incremento dei casi Covid a livello nazionale.

Come fare per sapere le regole anti Covid vigenti se si vuole visitare un mercatino di Natale? Informazioni utili si possono trovare sul sito della manifestazione espositiva oppure sul sito dell’amministrazione comunale dove si svolge il mercatino. Lì sarà possibile verificare se c’è un obbligo di mascherina o di Green pass. La regola generale per muoversi in sicurezza comunque resta il binomio vaccino e mascherine, anche all’aperto in luoghi che possono essere affollati o affollarsi.

Commenti

Translate »