Quantcast

Il futuro del protocollo Ethereum

Più informazioni su

I meccanismi di consenso controintuitivi mettono in ombra i vantaggi della blockchain poiché sono troppo dipendenti dal consumo di energia. Mentre le narrazioni del settore si spostano in mezzo alla confusione degli investitori, il meccanismo PoS ha guadagnato il dominio del mercato. Lo sviluppo di ETH 2.0 attesta le complessità della rete necessarie per produrre un meccanismo di consenso duraturo e privo di errori.

Il bypass di rete

Ethereum sta subendo un cambiamento significativo della rete nel modo in cui viene raggiunto il consenso. Nel podcast “Into The Bytecoin”, Tim Beiko e Danny Ryan, che hanno coordinato gli aggiornamenti di ETH 1.0 e ETH 2.0, hanno discusso di come PoW ha ampliato proporzionalmente il valore della rete ampliando la comunità e dissociandosi giustamente dall’ossessione PoS iniziale.

Vitalik Buterin ha spinto a rilasciare la fase 0 di Ethereum durante il 2020 dopo che sviluppatori come Justin Drake hanno sostenuto che potrebbe essere rilasciato solo durante il 2021, “al più presto”. Tuttavia, con il blocco di genesi ETH 2.0 prodotto il 1° dicembre 2020, Danny Ryan sottolinea che è “facile vedere la parte disordinata” perché è tutto trasparente e pubblico.

Sostiene inoltre che le persone non riescono a vedere il risultato finale, che è un prodotto redditizio e perfettamente funzionante. L’host del podcast aggiunge che un design così “idealistico e pragmatico” è indispensabile per il successo operativo della blockchain e, in definitiva, dell’intera rete.

Poiché ETH 2.0 è sulla buona strada verso “The Merge”, che vedrà il passaggio di consenso da PoW a PoS, gli sviluppatori della fondazione stanno testando lo stress della rete di test per garantire “una transizione graduale”. Ben Edgington, uno sviluppatore di ConsenSys, ha evidenziato che gli sviluppatori sono riusciti a ottenere uno “sviluppo di fusione multi-client”, mentre i pezzi finali del puzzle di ETH 2.0 vanno al loro posto.

Una pletora di cambiamenti

Il 27 ottobre, Ethereum avvierà l’hard fork Altair, offrendo ai clienti un “riscaldamento a basso rischio” per la funzionalità della Beacon Chain. Inoltre, Altair aggiunge ulteriori elementi per facilitare “The Merge”, creando processi che correggono eventuali carenze nelle ricompense e negli sforzi di partecipazione. Probabilmente in quel momento i prezzi di ETH lieviteranno e per approfittarne, si possono utilizzare piattaforme di trading come Bitcoin Prime.

Il tanto atteso aggiornamento di Ethereum aggiunge nuove dinamiche di interazione tra la rete e le sue azioni. ETH 2.0 integrerà il livello di sicurezza e creerà un sistema scalabile e più sostenibile. Pertanto, con l’introduzione dello staking, cambieranno le interazioni tra gli stake e le reti di ricompensa; in particolare, la quantità di ETH che la rete emette dopo “The Merge”.

In un podcast con Laura Shin, Justin Drake ha rivelato che la quantità di ETH emessa agli staker diminuirà di 10 volte, causando un “triplo dimezzamento”. Nonostante l’aggiornamento EIP-1559, che ha bruciato un numero record di ETH, il nuovo meccanismo di mining emetterà meno ETH di quanto stia attualmente bruciando. Di conseguenza, la mancanza di offerta e la crescente domanda di ETH trasformeranno il token in quello che viene chiamato “UltraSound Money”, poiché la scarsità aumenta la “qualità monetaria di ETH”.

Il rovescio della medaglia

Non esiste una stima di quanto diminuiranno le commissioni di rete sulla rete o se diminuiranno abbastanza per continuare a incentivare gli utenti a utilizzare Ethereum.

Ethereum ha bruciato 560.219 token; tuttavia, il valore di ETH è ancora fortemente dipendente dalle azioni di Bitcoin.

La convalida della rete sarà ancora arbitrata tra i creatori di blocchi e i validatori. Un elemento che non cambierà è il MEV (Maximal Extracted Value), poiché l’ordine delle transazioni su ETH 2.0 sarà lo stesso della rete PoW. Tuttavia, come sostenuto in un post di hackmd, con ETH 2.0, i validatori avranno il controllo nell’ordinare i blocchi sui minatori.

I validatori in rete guadagnano quindi più di quanto guadagnano attualmente nel formato ETH 1.0. Si stima che guadagnano il 70,9% in più rispetto all’attuale progetto di rete. Tuttavia, Forkast News ha notato che MEV rappresenta una minaccia per la rete in quanto autorizza i minatori, nonché i validatori nel sistema PoS, a selezionare le transazioni da aggiungere alla rete.

Perché ti dovrebbe interessare?

Ethereum ha impiegato molto tempo per gettare le basi e avanzare verso il PoS. Tuttavia, l’intera rete, non solo i minatori, trarrà vantaggio dal cambiamento poiché una minore offerta di ETH aumenterà la domanda di token, che a sua volta aumenterà il valore di un singolo ETH.

Più informazioni su

Commenti

Translate »