Quantcast

Gli auguri di Natale del Vescovo di Amalfi e Cava de’ Tirreni

Non credo che ci possano essere auguri più adatti dei tradizionali
“Buon Natale e Felice Anno Nuovo“.
Antonio De Caro

Arcidiocesi Amalfi-Cava de’ Tirreni, gli auguri natalizi di S.E. Mons. Orazio Soricelli: “In tempo di pandemia nell’accoglienza del Bambino più speranza e salvezza”.

Messaggio natalizio dell’Arcivescovo

Carissimi,
ogni anno, la celebrazione del Natale del Signore colma di attesa, di gioia e di meraviglia il nostro animo. Il Bambino deposto nella mangiatoia di Betlemme provoca stupore e anche inquietudine interiore, dal modo come è onorato dalla Vergine Madre e custodito dal padre adottivo Giuseppe, dal come è adorato dai pastori e dai magi e, ancor di più, esaltato e glorificato dagli angeli osannanti.
Questi atteggiamenti sono una vera sfida per far luce sull’identità di questo Bambino. Egli, nonostante, la sua grande povertà e umiltà è l’Emmanuele, il Dio con noi, il principe della pace, il segno della speranza; è la luce che risplende nelle tenebre; è il segno eloquente dell’amore del Creatore per le creature; è l’irruzione della novità, di fronte alla monotonia di una umanità rassegnata e inerme dinanzi alle esigenze della storia; è Colui che inaugura un’era nuova all’insegna della comunione tra gli esseri viventi, nel rispetto reciproco e dell’habitat cosmico; è il demolitore dei muri divisori, è il collante di rapporti sinceri, purificati dalla superbia e dall’indifferenza.
In questo nostro tempo segnato dalla pandemia, animati dal desiderio di uscire dalla tristezza, dalla paura e dall’inquietudine, intravediamo, nell’accoglienza del divino Bambino maggiore opportunità di speranza e di salvezza.
La guida saggia e lungimirante di papa Francesco ha indicato all’intero corpo ecclesiale, per i prossimi anni, di seguire il cammino sinodale, ponendoci sui passi del Bambino di Betlemme che, ci ha voluti suoi familiari all’interno della Chiesa.
Alla sua sequela ci sentiamo sospinti a dilatare il suo regno nella storia, fondato sulla solidarietà e sulla giustizia, rifiutando la logica dello scarto, e orientati dal valore della fraternità, quale “antidoto a muri e fili spinati”, come ci ha indicato il Santo Padre, nel suo recente viaggio in Grecia.
Il mio augurio come vostro Pastore, con Voi fratello adorante del mistero natalizio, è di sapervi afferrati dal suo sguardo suadente, di essere una sola cosa con Lui, unica speranza di cui sono assetati oggi i deserti del mondo.
Avvaloro i miei voti augurali con le parole che il Pontefice ha proferito pochi giorni fa in Grecia : “La salvezza sta … nello slancio, nella ricerca, nell’inseguire i sogni, …, che comportano fatica, lotta, venti contrari, burrasche improvvise”, senza, “ lasciarsi paralizzare dalle paure,… e sognare in grande…e sognare insieme!”.
L’incontro personale con Cristo, accolto nel nostro cuore, effonda su tutti, e in modo speciale su quanti soffrono a causa della malattia, dell’indigenza e della solitudine, abbondanza di luce, gioia, pace, e speranza, nel desiderio forte di sognare e camminare insieme.
Buone e sante feste!

Commenti

Translate »