Quantcast

Capri, bonificato il costone: la strada riapre dopo la frana

Capri, bonificato il costone: la strada riapre dopo la frana. Ne parla Annamaria Boniello in un articolo dell’edizione odierna del quotidiano Il Mattino.

Una febbrile riunione tra le amministrazioni di Capri e Anacapri e la decisione di intervenire in tempi rapidi per riaprire quanto prima la strada provinciale, chiusa da venerdì quando un masso roccioso è franato sull’asfalto rischiando di travolgere una Fiat Panda.
La strada ricade nella gestione della Città metropolitana e di fronte al rischio di una chiusura prolungata che dividesse l’isola in due, le amministrazioni di Capri e Anacapri hanno deciso di risolvere autonomamente il problema affidandosi ad Edilcapri, l’impresa locale che immediatamente ha iniziato i lavori di rimozione dell’enorme macigno di circa due metri di circonferenza e di tutti i detriti che impedivano la circolazione. Inoltre, sono stati sistemati dei semafori in punti sensibili per consentire la circolazione a senso unico alternato.

I ROCCIATORI Nella stessa serata di venerdì è stata chiamata un’impresa specializzata in lavori sulle pareti rocciose per effettuare le ispezioni e la messa in sicurezza del costone. Ieri mattina, con il primo traghetto da Napoli sono sbarcati a Capri tecnici specializzati e alcuni rocciatori che con grande abilità si sono arrampicati lungo il costone da dove si era staccato il masso e hanno ispezionato la rete metallica messa a protezione della parete. Gli operai hanno rimosso i massi a rischio caduta e bonificato la zona. Verifiche, test e controlli che sono andati avanti per tutta la giornata sino a quando operai e tecnici non si sono assicurati che la situazione era sotto controllo e la strada era stata messa in sicurezza. I lavori sono finiti quasi al calar della sera quando maestranze e tecnici hanno dato assicurazione che l’area era stata completamente bonificata.
«Siamo intervenuti tempestivamente – dice il vicesindaco di Capri e assessore ai Lavori pubblici Franco Cerrotta – per mettere in sicurezza la strada perché i cittadini di Capri ed Anacapri non possono affidarsi solo alla protezione della Madonna. Abbiamo deciso che i due Comuni su questo tema si terranno a stretto contatto. Va eliminato definitivamente questo pericolo che incombe su Capri e provoca anche gravi danni ai flussi turistici». Soddisfatto per la tempestività degli interventi è anche il sindaco di Capri Marino Lembo. «Siamo intervenuti con incisività, insieme all’amministrazione di Anacapri, avviando un’azione comune rivolta a ripristinare una volta per tutte le condizioni di sicurezza. In questo caso siamo riusciti a riaprire la strada. Una strada – dice Lembo – che garantisce agli abitanti di Capri e Anacapri l’accesso all’ospedale in caso dell’intervento del 118 e in particolare l’accesso nei casi di emergenza ai residenti dell’isola al Capilupi».

Commenti

Translate »