Quantcast

Sorrento, cordoglio per la scomparsa di Adriano Morelli

Sorrento. Ieri, all’età di 73 anni, ci ha lasciato Adriano Morelli. In tanti ne piangono la scomparsa e si uniscono al cordoglio della famiglia. Riportiamo il post del giornalista Antonino Siniscalchi: «Dirigente, allenatore, motivatore instancabile per le allieve che si avvicinavano allo sport con entusiasmo e passione. La pallavolo femminile sorrentina perde con Adriano Morelli uno dei suoi artefici più rappresentativi, un faro senza tempo per lo sport, un impegno importante caratterizzato anche nella gestione degli impianti, un ruolo insostituibile come ingegnere del Comune di Sorrento, nel pianificare, con l’ingegnere Antonino Cesaro, la realizzazione del Palazzetto di via Atigliana e la tensostruttura attigua all’edificio della Scuola Tasso in via Marziale. Una vita per lo sport, la pallavolo in particolare, condivisa con la moglie Teresa con la Libertas Sorrento con i colori biancorossi. Ha ricoperto anche incarichi dirigenziali con la Fipav. Il dolore immenso sopportato in silenzio per la scomparsa della Mamma Claudia Fattorusso e la Moglie Teresa Reale nella tragedia del Primo maggio 2007 in piazza Sant’Antonino. È stato anche coordinatore del Nucleo di Protezione civile di Sorrento. Un abbraccio alla figlia Veronica Morelli, allieva del Liceo Salvemini, capitano della squadra di volley in varie edizioni dei Giochi sportivi studenteschi; al figlio Daniele, che consolida la passione dei genitori come animatore sportivo».
Anche la Folgore Massa ha voluto ricordare Adriano Morelli: «Buon viaggio Adriano. Hai dato fino alla fine tutto quello che avevi allo sport che tanto amavi. Sorrento, la pallavolo, perdono un pezzo di storia costruito in 50 anni mattone dopo mattone con la tua amata moglie che oggi riabbracci nel regno dei cieli. Le nostre condoglianze alla Libertas Sorrento ed alla tua famiglia che con forza e amore siamo sicuri continuerà a portare avanti quei colori biancorossi che per 50 anni hanno portato il nome di Sorrento su tutti i campi della Campania».

Commenti

Translate »