Quantcast

Si accelera per il super pass: nelle Regioni a colori divieti solo per i no vax

Più informazioni su

Si accelera per il super pass: nelle Regioni a colori divieti solo per i no vax. Lo scrive Alberto Gentili in un articolo dell’edizione odierna del quotidiano Il Mattino.

La decisione non è ancora nero su bianco. Ma tra oggi e domani, quando Mario Draghi e i ministri Roberto Speranza (Salute) e Mariastella Gelmini (Regioni) incontreranno i presidenti regionali, il governo accoglierà la loro richiesta di introdurre il Super Green pass. Orientamento che poi dovrà essere discusso mercoledì dalla cabina di regia politica e ratificato giovedì dal Consiglio dei ministri: con l’Italia che torna ai colori e il Friuli e Bolzano tra 7 giorni quasi sicuramente in giallo, si accelera insomma. E le restrizioni varranno solo per i No vax.
E’ scontro invece sull’ipotesi, caldeggiata dal responsabile della Funzione pubblica Renato Brunetta e da Speranza, di estendere l’uso del lasciapassare verde a bus e metro. Il ministro dei Trasporti, Enrico Giovannini, frena. E i sindacati sono contrari. La ragione: i controlli sarebbero impossibili.

REGIONI IN PRESSING Il pressing delle Regioni a favore del Super Green pass è fortissimo. «Il governo deve decidere al più presto possibile», dice il presidente Max Fedriga, «bisogna dare certezze alle imprese, bisogna impedire il flop a Natale. Se non si permetterà ai vaccinati di andare al ristorante, al cinema, a sciare, l’alternativa sarà chiudere tutto. E darla vinta a chi ha deciso di non vaccinarsi».

IL SUPER GREEN PASS Traduzione: le Regioni, e il governo è ormai d’accordo, chiedono che ai No vax in caso di passaggio in zona arancione o rossa sia permesso soltanto di andare a lavorare, viaggiare su treni e aerei e di accedere ai servizi essenziali come farmacie e negozi di generi alimentari. Soprattutto, i governatori vogliono scongiurare la chiusura, nel caso scattassero le zone arancioni o rosse, di bar e ristoranti, cinema e teatri, stadi e sale da concerto, parchi tematici e impianti da sci, palestre e piscine, centri commerciali e discoteche, mercatini di Natale e fiere. Tutti questi settori, nel piano delle Regioni che il governo sta per ratificare, resterebbero aperti. Ma vi potrebbero accedere solo chi avrà il Super Green pass: vaccinati e guariti dal Covid.

IL NODO COLORI C’è però ancora un punto da chiarire. Alcuni ministri (e anche alcuni governatori) spingono perché il Super lasciapassare verde scatti già con il giallo, ma in questa fascia le restrizioni sono poche: l’obbligo della mascherina all’aperto e le limitazioni alla capienza di ristoranti, stadi, cinema, teatri. «E avrebbe poco senso», dice una fonte di governo, «esacerbare lo scontro con i No vax in presenza di restrizioni così blande. Il Super Green pass deve valere piuttosto per evitare le chiusure delle attività economiche e ricreative, dunque in zona arancione o rossa». Si vedrà.

TAMPONI & DURATA Ancora da decidere è anche se accompagnare l’introduzione del Super Green pass a una riduzione della validità dei tamponi. L’ipotesi allo studio: la durata dei test molecolari potrebbe passare da 72 a 48 ore e quella degli antigenici rapidi da 48 a 24 ore. Questi ultimi, come chiedono molti scienziati, potrebbero anche essere bocciati in quando darebbero una percentuale del 30% di falsi negativi.

BUS E METRO Speranza e Brunetta, per aumentare il livello di sicurezza e spingere la campagna vaccinale, vorrebbero che il Green pass (quello ottenuto pure con i tamponi) valesse anche su bus e metro. Ma il ministro dei Trasporti Giovannini frena e i sindacati protestano. Il motivo: i controlli sarebbero pressoché impossibili. «I tempi verrebbero ampliati in modo enorme, ma soprattutto mancano gli strumenti: gli autisti non possono controllare e bisognerebbe assumere personale ad hoc», sostiene il segretario della Filt Cgil Roma e Lazio Eugenio Stanziale. Ma più fonti di governo sostengono che i controlli «sui bus potrebbero essere fatti a campione da chi è già chiamato a verificare il possesso dei biglietti e all’ingresso delle stazioni della metro dove si trovano i tornelli».

UFFICI PUBBLICI E PRIVATI Di forte impatto, per contrastare la quarta ondata e scongiurare criticità nelle terapie intensive e nelle aree mediche, è anche un’altra misura allo studio in queste ore proposta da Brunetta: l’estensione del Green pass negli uffici pubblici e privati. Attualmente il lasciapassare è obbligatorio per chi vi lavora, ma non per gli utenti e i clienti. Ebbene, l’idea è quella di permettere dal 1° dicembre l’ingresso ai clienti e agli utenti di uffici postali, sportelli pubblici in generale, banche e assicurazioni, commercialisti, notai, etc, solo a chi è dotato di Green pass. Una soluzione già esplorata dall’esecutivo in settembre, ma poi scartata proprio per la difficoltà dei controlli.

L’OBBLIGO VACCINALE Draghi considera l’obbligo del vaccino l’ultima ratio, anche perché innescherebbe uno scontro furibondo con Matteo Salvini. Piuttosto il governo pensa a estendere l’obbligatorietà del vaccino (già operativa per il settore sanitario) ai front desk degli uffici pubblici, ai professori, alle forze dell’ordine e ai cassieri dei supermercati. Di certo, invece, c’è che questa settimana verrà introdotto l’obbligo della terza dose (che potrebbe essere anticipata a 5 mesi dalla seconda inoculazione, ora è a sei) per il personale sanitario e per gli ospiti e gli operatori delle Rsa.

Più informazioni su

Commenti

Translate »