Quantcast

Sanità in Penisola Sorrentina: il patto di fornire alloggi ai medici per fronteggiare la carenza di personale

Sanità in Penisola Sorrentina: il patto di fornire alloggi ai medici per fronteggiare la carenza di personale. Un piano alloggi emergenziale per circa cinquanta medici è la proposta avanzata per fronteggiare la carenza di personale negli ospedali Santa Maria la Misericordia di Sorrento e De Luca e Rossano di Vico Equense.

Gli operatori turistici – Sergio Federe, Presidente Atex Campania, Franco Cappiello, Presidente Aicast macroarea penisola sorrentina, Mario Colonna, delegato turismo macroarea Aicast penisola sorrentina, Giovanni Rosina, Presidente dell’associazione Charter Campania, Fabio Colucci, Presidente Club dei 500 – si sono fatti promotori della proposta. «Riteniamo che tra le varie priorità ci sia da affrontare quella degli alloggi in penisola sorrentina per nuovi medici e nuovi anestesisti indispensabili per risolvere i problemi principali che bloccano le attività – si legge in una nota -. Serve un piano alloggi emergenziale per una cinquantina di medici da mettere in campo, coinvolgendo sindaci, Regione, Chiesa, associazioni ricettive. È fondamentale trovare soluzioni che garantiscano questa disponibilità per il personale medico».

Intanto, sulla situazione attuale della sanità in penisola sorrentina sono intervenuti anche il sindaco di Sorrento, Massimo Coppola, ed il neo primo cittadino di Vico Equense, Peppe Aiello.

Massimo Coppola, nel corso dell’audizione che si è tenuta davanti alla Commissione Sanità e Sicurezza Sociale della Regione Campania, ha sottolineato la necessità di “Intervenire subito per reperire personale medico al servizio di Anestesia e Pronto Soccorso dell’Ospedale di Sorrento, e procedere con la qualificazione di sede disagiata, in considerazione delle condizioni geografiche e logistiche del territorio della penisola sorrentina”.

A sua volta, Peppe Aiello è stato ascoltato dalla Comissione riguardo alla “Perdurante situazione di criticità legata alla chiusura del Pronto Soccorso De Luca e Rossano di Vico Equense e alla mancanza di personale medico. Il diritto alla salute va garantito a tutti i cittadini e, quando viene a mancare, le istituzioni hanno il dovere di farsi portavoce della collettività portando le istanze del territorio in tutte le sedi opportune”, ha affermato il sindaco.

Commenti

Translate »