Quantcast

Praiano, il comandante Gargiulo “Cabina di regia per il traffico, per afflussi turistici in Costa d’ Amalfi nel 2022”

Praiano, Costiera amalfitana ( Salerno ) . Prevenire è meglio che curare. Abbiamo sentito il comandante della polizia municipale di Praiano Alessandro Gargiulo sulle possibili evoluzioni per il 2022. Le previsioni parlano di impennate di afflussi turistici dal 30 al 40%, ovviamente tutto condizionato anche all’evoluzione che potrebbe avere la pandemia da Coronavirus Covid – 19 , ma già quest’anno la Costa d’ Amalfi è stata in difficoltà “Ci si dovrebbe preparare in tempo per una eventuale impennata del traffico – dice Gargiulo -, al momento l’ordinanza del Prefetto di Salerno è sperimentale non sappiamo ancora se possa reggere ad un ulteriore peso veicolare sul territorio, che , salvo imprevisti, dovrebbe riversarsi in maniera massiccia sulla Costiera” Cosa si potrebbe fare? All’ANAS Positanonews ha più volte chiesto di presidiare gli accessi alla S.S. 163 o di mettere dei Cartelli che avvisassero , prima ancora della ZTL si potrebbe applicare al momento questa soluzione, a volte da Piano di Sorrento ad Amalfi ci potrebbero volere quattro ore per poi non trovare neanche più posto “Sicuramente una delle principali chiavi di soluzione del problema traffico è legato agli accessi, se il turista viene avvisato si organizza con percorsi alternativi, per Agerola, o altro, comunque si evita di intasare ulteriormente il traffico” Preoccupato per le conseguenze del traffico? “Assolutamente si, il primo paese a subirlo sarà Positano, poi Praiano nella strada principale , se si incrociano degli autobus è davvero problematica . Fino ad Amalfi sono tutti paesi di transito e quindi sia noi che Positano subiamo questo flusso con conseguenze serie che potrebbero essere più gravi l’anno prossimo, per questo sarebbe opportuno organizzarci fra di noi ” . Gli autobus che si incastrano sono un problema, o meglio anche se si trovano a percorrere insieme lo stesso tratto, questo vale per la stessa SITA, autisti bravissimi, veri e propri angeli della strada,  ma i mezzi grandi rendono problematico evitare gli ingorghi, non per colpa loro, ma per motivi evidentemente logistici “Fermo restando che gli autisti della SITA sono degli eroi , è sicuramente una scelta opportuna ridurne le dimensioni. Ma bisogna comunque organizzarsi da ora per poter affrontare il traffico che si annuncia già da ora molto più intenso dell’anno passato” . E’ sicuramente un piacere fare delle riflessioni con gli operatori della strada che hanno una visione lucida del problema, si potrebbero ascoltare i comandanti di tutti i comuni, anche gli autisti stessi della SITA, che si può dire conoscono ogni centimetro della Statale e organizzarsi sin da ora, chiedendo, in attesa della ZTL, una segnaletica , come sulle autostrade, che avvisi del traffico in Costiera , dei parcheggi in via di esaurimento ( in genere ad Amalfi con traffico intenso lo sono già alle 11, poco dopo Positano ) e far in modo anche che i turisti si organizzino con le prenotazioni .

Commenti

Translate »