Quantcast

Positano, anche oggi passano col rosso al semaforo. ANAS venga obbligata a guardiania per evitare altri incidenti, il Prefetto intervenga foto

Più informazioni su

Positano ( Salerno ) . Il semaforo funziona bene oggi , ma ci sono ancora macchine che passano con il rosso. Avviene tutti i giorni , o quasi. Le segnalazioni che ci arrivano sono spesso senza foto o video, oggi ci sono capitato, per l’ennesima volta.

Auto passa al semaforo con il rosso a Positano

Poco dopo le 14 siamo passati con il verde da Positano in direzione Sorrento e Penisola Sorrentina per intenderci, e dall’altra parte un turista è passato con il rosso verso Positano e Amalfi , dal lato opposto, nello stesso modo del NCC che poi ha provocato la tragedia dove ci ha lasciato dalla vita terrena Fernanda.

NON leghiamo questi episodi a quella tragedia, sulla quale sarà la giustizia a stabilire le responsabilità, si è parlato pure troppo, quella vicenda è un caso a sè , facciamo questa premessa. Parliamo di questo malcostume, questa ricorrente violazione del rosso.

Succede che quando ci si avvicina al semaforo si vede dall’altra parte della strada ancora auto che camminano e si pensa che se si prova ad andare si riesce a raggiungere l’altro lato della strada prima che il semaforo dall’altra parte diventa verde.

Il semaforo è “troppo” lungo, come dicono in tanti. Noi stiamo scrivendo da oltre un anno, non limitandoci a scrivere ma anche documentando, con video e foto, quello che succede. Ci sono tanti che vanno con il rosso anche in buona fede, magari passano .

E’ evidente che non c’è controllo da parte dell’ANAS, e non può esserci da parte delle forze dell’ordine, che non possono essere impiegate h24 sui semafori, è sbagliatissimo prendersela con loro, significa che si ignora totalmente il funzionamento di queste istituzioni, ma si può chiedere a loro di segnalare la problematica e gli incidenti al Prefetto e alle autorità competenti . In realtà la soluzione ci sarebbe e la abbiamo prospettata da sempre. Serve una “guardiania” h 24, a spese dell’ANAS, o della ditta che sta facendo i lavori con una lentezza esasperante. Sono stati stanziati oltre 5 milioni e mezzo di euro per mettere in sicurezza il costone roccioso, ma i lavori stessi, con questi semafori incustoditi, ci creano continui pericoli.

La guardiania è un servizio che doveva essere previsto in un oculato appalto e l’ANAS, come ha fatto per altre situazioni, dove ha previsto la guardiania h 24, doveva intervenire. A questo punto dovrebbero intervenire gli entri sopraistituzionali, bisognerebbe interessare il Ministero competente, l’ANAS a livello Nazionale, la Regione Campania, il Prefetto e la Procura della Repubblica.

Giusto per fare un esempio vi alleghiamo un’ordinanza dell’ANAS dove prevedeva la guardiania per altre situazioni, per farvi capire che la guardiania è ed era possibile in situazioni dove è necessaria, e qui è necessaria, anche per far da deterrente a chi vuol passare anche in buona fede o ingenuità come ha fatto il turista poco fa e come fanno tante persone, stando alle segnalazioni di cui non sempre riusciamo ad avere i video, che ci fanno quotidianamente.

Ci sono tutti gli elementi affinchè si faccia un esposto o una segnalazione alle autorità competenti e i cittadini o il sindaco chiedano al Prefetto di intervenire. Non possiamo prendercela con le forze dell’ordine, non per difenderle senza richiesta, ma perchè dobbiamo essere razionali e fare le richieste giuste e precise agli enti competenti affinchè si attivino per evitare ulteriori danni, sperando che i lavori finiscano al più presto.

L’ANAS, ente proprietario della S.S. 163 Amalfitana, e il Prefetto, massima autorità di pubblica sicurezza, possono fare qualcosa per evitare questi ricorrenti , e documentati, pericoli.

ECCO UN ESEMPIO DI ORDINANZA CON RICHIESTA DI GUARDIANIA H 24 DALL’ANAS PER LAVORI IN CALABRIA

Più informazioni su

Commenti

Translate »