Quantcast

Piano di Sorrento, card della Campania per la vaccinazione inutile. Cittadini non fatti entrare al Comune

Piano di Sorrento, card della Campania per la vaccinazione inutile. Cittadini non fatti entrare al Comune

Nei commenti sul profilo del sindaco Salvatore Cappiello i commenti dei cittadini ( che non ricevono risposte dal primo cittadino ma dai commenti degli altri amici di facebook )

Signor sindaco scusate il disturbo perché per entrare in comune non si accetta il green pass mandato dalla regione Campania quello rigido per intenderci ma solo il green pass cartaceo ? È solo una curiosità naturalmente dato dal fatto che stamattina mio marito doveva venire in comune e non aveva con sé quello cartaceo e non è potuto entrare . Grazie di un eventuale risposta .

Dai commenti esce fuori che la card della Campania rilasciata ai vaccinati contro il coronavirus Covid – 19 è completamente inutile perchè non riconosciuta da nessuno.

Ma a Napoli il Governatore De Luca lo sa che sono tutti soldi sprecati ?  Non solo è inutile , ma questa card viola il diritto alla privacy, ma la riservatezza in Italia, grazie al coronavirus Covid -19, è diventata una barzelletta

Il Garante per la protezione dei dati personali ha adottato un provvedimento con il quale ha “avvertito” formalmente la Regione Campania che il sistema di certificazione di avvenuta vaccinazione, guarigione o negatività – promosso dalla Regione come condizione necessaria per la fruizione di innumerevoli servizi come quelli turistici, alberghieri, di wedding, trasporti e spettacoli – viola la normativa sulla privacy. Il sistema è previsto da un’ordinanza del Presidente della Campania che demanda all’Unità di crisi regionale la definizione delle modalità operative e la distribuzione di smart card su cui saranno registrati i pass Covid regionali.

In base all’istruttoria avviata dal Garante è emerso che l’iniziativa è priva di una idonea base giuridica. Disposizioni di questa natura, che condizionano diritti e libertà personali sono ammissibili, infatti, solo se previsti da una idonea normativa nazionale e non da un’ordinanza regionale. Tale ordinanza, peraltro, travalica le stesse indicazioni del cosiddetto ‘Decreto riaperture’ – che già presentava specifiche criticità già segnalate dall’Autorità al Governo – introducendo l’esibizione del green pass come ulteriore condizione alla mobilità e all’accesso a servizi di base.

L’ordinanza introduce, inoltre, l’utilizzo di smart card come “sistema di rilascio di certificazione di avvenuta vaccinazione” senza specificare la titolarità del trattamento, chi può accedere e usare le informazioni, chi può controllare la validità e l’autenticità delle certificazioni. Il progetto si pone così in violazione di principi base del Regolamento Ue in materia di protezione dei dati personali come quelli di liceità, correttezza, trasparenza, privacy by design e by default. Il sistema adottato dalla Regione, avrebbe richiesto, in ogni caso, che venisse effettuata una preventiva valutazione di impatto volta a implementare misure adeguate a garantire la protezione dei dati, anche particolarmente delicati come quelli sulla salute delle persone.

L’Autorità rimarca che progetti come quello campano introducono sistemi di rilascio e di verifica della vaccinazione difformi da quelli individuati a livello nazionale e, soprattutto, che mettono a rischio la stessa interoperabilità delle certificazioni a livello nazionale ed europeo, in contrasto proprio con la finalità di agevolare la libera circolazione all’interno dell’Unione Europea durante la pandemia di Covid-19. L’ “avvertimento” formale adottato nei confronti della Regione Campania è stato comunicato anche al Presidente del Consiglio dei ministri e alla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, per le valutazioni di competenza.

Commenti

Translate »