Quantcast

Minori, il ricordo della ricorrenza dei Defunti nella città della costiera amalfitana

2 novembre, ricorrenza dei Defunti a Minori, borgo legato alla santa Pulzella di Patti di cui ricorre la giornata dell’arrivo alla spiaggia di Minori circa 1500 anni orsono.
Tutti, sia su invito della Santa Chiesa e sia per trasporto personale, abbiamo rivolto una accorata e calda preghiera, e non solo, ai nostri familiari che ci hanno preceduti all’aldilà. Ma tutti, o quasi, abbiamo ricordato quei personaggi che hanno fatto la storia polico-sociale-religiosa-amichevole del nostro borgo
Come non ricordare gli artefici della politica locale iniziando con Trucillo e continuando con d’Amato, ‘o sinnaco ‘e Scala, proseguendo con Francesco di Lieto sindaco che ha gestito per circa un ventennio la vita dei minoresi, continuando con Angelo Amorino, ‘o sciampagna, accettato e benvoluto dai minoresi per oltre un lustro.
Accanto a questi personaggi di primo piano il ricordo va alla chiesa con don Andrea di Nardo, ‘o parrucchiano per eccellenza, a don Matteo Palumbo, a don Andrea Imperato ed al giovane e preparato don Pasquael Gentile, il quale ultimo aveva avviato un percorso diverso della chiesa locale
Quanti, visitando il Cimitero nel giorno dedicato ai Defunti si saranno fermati davanti alle tombe dei Maestri della scuola dei primi passi, l’ultimo dei quali ha voluto lasciare ai propri discepoli scritti che raccontano la vita semplice vissuta in questo ultimo secolo.
E non si può non ricordare Tonino Mormile ‘o ragiuniere che è stato uno degli iniziatori dell’organizzazione di eventi locali dal sapore internazionale.
Certo che la storia del nostro borgo in questi ultimi tempi non si limita a queste amabili persone citate, accanto alle quali vanno elencati minoresi che attraverso lo sport hanno tenuito viva l’attenzione dei giovani (Matteo Lembo Teuccio, Gabriele di Lieto, per citare quelli che hanno fatto dello sport una semiprofessione) accanto ad Alfosno Pepe e Giovanni Ruocco dirigenti eccellenti.

Commenti

Translate »