Quantcast

Meta nella morsa del Covid, Tito: “Festini degli studenti? Si controllino i green pass. No a chiusura scuole” segui la diretta

Più informazioni su

Aggiornamenti in merito all’andamento del contagio da Covid 19 che preoccupa Meta, il comune della penisola sorrentina, e i paesi limitrofi. Proprio qui si registrano ben 32 soggetti attualmente positivi al virus, la cui metà non si è somministrata al vaccino anti-Covid 19 e presenta sintomi gravi.  Il giorno 11 dicembre provvederemo alla nostra terza dose di vaccino – ha commentato Tito, invitando i suoi concittadini a vaccinarsi.

32 positivi: metà non vaccinati, tutti sintomatici

A novembre 2020 con le chiusure risultavano positive 29 persone – dice Tito. Oggi 21 novembre con in corso le vaccinazioni contestiamo le 32 persone positive. Di queste 32 persone dobbiamo segnalare che circa il 50% risulta non vaccinato. Di questi non vaccinati uno è ricoverato. Tutti risultano con sintomi. L’altro 50% vaccinato fortunatamente non ha sintomi da aver bisogno di cure opportune. Dal 22 al 28 novembre siamo passati a 202 su 100 mila abitanti. Abbiamo un tasso di positività quasi all’8%. Purtroppo questi dati destano preoccupazioni.

Chiusura scuole? No di De Luca

Voglio dare anche una notizia. Ieri ho avuto incontro con il presidente De Luca. Attualmente mi ha rassicurato che non ci sarà nessun intervento di chiusura delle scuole anche se ha consigliato un controllo capillare. La settimana prossima cominceremo una campagna di sensibilizzazione per l’uso corretto della mascherina. Stamattina è arrivata una circolare dal Ministero che ci conferma che alcune scelte prese di comune accordo con il Dirigente Scolastico ci hanno dato ragione. Ad oggi ci hanno segnalato che anche in età scolare c’è incidenza di crescita pari a 125 per 100 mila abitanti.

Noi siamo con De Luca: le scuole non vanno chiuse, ma in questo momento ci sono delle problematiche. La scuola è il luogo più sicuro, ma purtroppo in questi giorni vediamo iniziative di studenti che fanno feste senza protezioni o distanziamenti. Dobbiamo far capire ai nostri figli determinate cose. Le strutture devono attenersi alle regole. Chiediamo anche alle forze dell’ordine un controllo più accurato del nostro territorio.

Più informazioni su

Commenti

Translate »