Quantcast

La tradizione della Corona dell’Avvento, tra origine e simbolismo

Più informazioni su

In occasione della preparazione al Natale in molte case si è diffusa la tradizione della Corona dell’Avvento, una struttura di forma circolare arricchita con rami di conifere e dalla presenza di quattro candele.
Per trovare le origini di questa bellissima tradizione dobbiamo fare un salto nel tempo quando i popoli germanici precristiani per difendersi dal freddo di dicembre usavano accendere delle candele situate in ghirlande. Un’usanza simile la si ritrova anche in Scandinavia dove, durante l’inverno, si accendevano delle candele che venivano collocate intorno ad una ruota, chiamata “ruota della terra”, che veniva fatta girare verso il sole.
Il collegamento con il Natale risale, invece, al medioevo quando i cristiani usavano le candele per prepararsi spiritualmente alla nascita di Gesù.
La Corona dell’Avvento nacque nel diciannovesimo secolo grazie al pastore protestante Johann Hinrich Wichern. L’obiettivo iniziale era quello di fare creare le candele da ragazzi senza casa e di venderle per dar loro un aiuto. Intorno al 1850 la sala oratoria del Rauhen Haus veniva tradizionalmente illuminata con le Corone dell’Avvento dotate di 24 candele. Questa prima versione della Corona prevedeva l’accensione di candele di grandi dimensioni la domenica e di piccole dimensioni nei giorni feriali. Nel 1860 anche l’orfanotrofio di Berlino venne addobbato con la Corona dell’Avvento che, però, aveva 24 candele su un alberello.
In seguito la Corona dell’Avvento si diffuse nelle città della Germania del Nord in orfanotrofi e scuole ma venne ridotta a quattro candele, da accendere una ogni domenica. Negli anni successivi la Corona si diffuse in tutta Europa, soprattutto dopo la seconda guerra mondiale.
La Corona dell’Avvento racchiude molti simboli. Innanzitutto la corona rappresenta l’eternità ma è anche il simbolo del sole, della terra e di Dio. La sua forma circolare simboleggia l’unità e l’eternità.
Le candele, invece, rappresentano la luce che ci viene regalata dal Natale ed ogni domenica dell’Avvento ne viene accesa una. In molti inseriscono anche una quinta candela da accendere nel giorno di Natale. L’accensione progressiva delle candele simboleggia la progressiva vittoria della Luce sulle tenebre fino al giorno della venuta del Messia. La prima candela è quella “del Profeta”, poiché rimanda alle profezie sulla venuta del Messia. La seconda è quella “di Betlemme”, e ricorda la città in cui è nato il Messia. La terza è detta “dei pastori”, cioè coloro che per primi videro ed adorarono il Messia. La quarta candela è quella “degli Angeli”, che furono i primi ad annunciare al mondo la nascita del Messia
I rami sempreverdi che adornano la corona rappresentano la speranza. Si utilizza l’alloro che simboleggia la vittoria sulla persecuzione e sulla sofferenza, il pino e l’agrifoglio simboli di immortalità, il cedro che rappresenta la forza e la guarigione ed infine le foglie spinose che ricordano la corona di spine di Gesù.

Più informazioni su

Commenti

Translate »