Quantcast

Amalfi, Sigismondo Nastri: “Giuseppe Moscati, il medico santo e la sua capacità di giungere fino alle anime”

Riportiamo l’interessante post pubblicato sulla sua pagina Facebook dal giornalista di Amalfi Sigismondo Nastri dedicato a San Giuseppe Moscati: «Domani, martedì 16 novembre, ricorre in calendario la festa di san Giuseppe Moscati. Del medico santo mi piace ricordare la capacità di giungere fino alle anime, ottenendo già con la parola – come sottolineato dall’arcivescovo Mons. Ercolano Marini, suo primo biografo – “mirabili effetti”. Ecco, ad esempio, cosa aveva scritto, il 29 aprile 1922, a Consolina Santero, signorina di buona famiglia, zia di mia moglie, che attraversava un periodo di depressione per il risultato insoddisfacente di un esame: “Mi è capitato di leggere, trovandomi a casa del mio amico l’avvocato Riviello, una vostra lettera, allora pervenuta alla sorella Ginevra… Perché mi è stata pôrta a leggere quella sconsolatissima lettera? Perché sono un medico, e mi è lecito penetrare nei segreti di ogni anima. Io non comprendo tanto vostro sconforto! Somigliate per altro moltissimo ai nostri studenti alla vigilia degli esami: durante l’anno, ilari, spensierati, poco amici del tavolino di studio; in prossimità della fine dell’anno tutti mogi mogi, pessimisti; imprecano contro la vita e le fatiche e i dolori!… Via, siate superiore, e tirate innanzi, ché la vita è gioconda! E – a questa massima epicurea – aggiungo un’altra sommamente cristiana. E’ necessario vivere, per compiere il bene ad ogni istante. E per compiere il bene, è assolutamente doveroso resistere a tutte le tentazioni di riposo, di sfibramento. Vincete voi stessa. Mangiate bene e iper-nutritevi; la notte dedicatela a dormire e non a pensare a mille cose angosciose… E Iddio vi ridonerà la serenità, e alla vostra famiglia la gioia di sapervi bene”.
La lettera, in fotocopia – è ipotizzabile che l’originale sia all’Archivio Moscati a Napoli -, la trovai a Salerno nell’abitazione della Santero quando lei morì, in veneranda età. Ritengo che si tratti di un documento straordinario e di scottante attualità, in un’epoca caratterizzata da crisi esistenziali, specialmente a livello giovanile».

Commenti

Translate »