Quantcast

Vico Equense verso il ballottaggio: Aiello e Cinque, sfida nelle piazze. il messaggio della Carfagna , il post di Dilengite

Più informazioni su

Vico Equense – Oggi il Ministro per il Sud e la coesione territoriale, Mara Carfagna, doveva essere a Vico Equense per sostenere la candidatura a sindaco di Peppe Aiello, che al primo turno ha sfiorato la vittoria ottenendo il 48% dei consensi. A seguito di impegni sopraggiunti in Consiglio dei Ministri a Roma, ha disdetto l’appuntamento inviando al candidato sindaco un videomessaggio. “Sono sinceramente lusingato e felice – il commento di Aiello – del gesto e delle bellissime parole. I sindaci rivestiranno un ruolo centrale per la gestione dei fondi del Pnrr ed io e la mia squadra siamo pronti. Il Ministro Carfagna – continua Aiello – si batte quotidianamente per dare un ruolo centrale e da protagonista al Sud anche e soprattutto in prospettiva del Pnrr. Chi sminuisce la svolta – aggiunge – che il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza può dare ai nostri territori non ama la sua terra.” Il Ministro, nei giorni scorsi, ha sottolineato che “il successo del Pnrr dipende dall’impegno della politica, ma anche dallo “sguardo sul Sud” degli investitori: mostriamo loro il Mezzogiorno come terra di opportunità”. La squadra che sostiene Peppe Aiello ambisce, attraverso un programma condiviso, a rendere Vico Equense una città moderna. “Vogliamo un paese – ribadisce Aiello – nel quale turismo, vivibilità e crescita siano parole d’ordine quotidiane.” Classe ’81, nato e cresciuto a Vico Equense, ha una lunga esperienza politica. È stato consigliere comunale per 10 anni con l’Amministrazione guidata da Gennaro Cinque, dal 2006 al 2011, durante i quali per circa un anno e mezzo ha anche ricoperto l’incarico di Assessore al turismo.

E’  stato, poi, tra i più votati alle elezioni del 2016: successo che gli ha garantito la carica di capogruppo di maggioranza, per i cinque anni di governo cittadino di Andrea Buonocore. Tre i pilastri del suo programma elettorale e delle cinque liste a lui collegate (UDC, Fratelli d’Italia, Peppe Aiello Sindaco, L845 e Tra la gente): turismo, sostenibilità e partecipazione. “Queste – continua Aiello – sono le aree tematiche su cui lavoreremo per avviare un processo di crescita reale e sostenibile e ridefinire una città che guarda al futuro.” Tra le priorità dell’agenda di Aiello in primis la sicurezza del cittadino, la tutela dei luoghi e del patrimonio comunale, ma anche e soprattutto la sicurezza stradale, la viabilità e il controllo del territorio. “Ci attiveremo – conclude Aiello – sin da subito per intercettare finanziamenti per l’ampliamento e l’ammodernamento del sistema di videosorveglianza al fine di garantire ai cittadini una sempre maggiore sicurezza dei luoghi e della persona. Non da meno la rigenerazione, il decoro e l’arredo urbano. I sistemi urbani di ultima generazione propongono soluzioni come panchine e pensiline intelligenti in grado di ricaricare gli smartphone ma anche di fornire informazioni sulla viabilità.”

A sostegno di Maurizio Cinque un post dell’avvocato Giuseppe Dilengite

Breve sunto in aiuto a quelli che sono indecisi sul voto del ballottaggio o che non vogliono andare a votare. Nel 2016 fu eletto sindaco Andrea Buonocore, scelto da Gennaro Cinque come suo DEGNO successore. Ma dopo cinque anni Andrea Buonocore non è stato proposto dalla sua stessa maggioranza, o meglio, da Gennaro Cinque, per il secondo mandato da sindaco. PERCHÉ? Nessuno lo ha spiegato. Sembrerebbe (o è?) una sonora bocciatura dell’operato della intera amministrazione che ha governato la città dal 2016 al 2021. Eppure Buonocore incassa il colpo e invece di rivendicare i suoi meriti si adegua alle scelte del “Capo” che imperterrito designa ovvero impone il suo pupillo quale erede al trono. Meriti e qualità del prescelto non vengono illustrate al popolo tranne che dire: “ha tenuto unita la maggioranza” intorno al fallimentare (come da loro stessi ammesso) governo Buonocore. Non sembra una dote inestimabile tale da sollevare la Città dal degrado che lor medesimi hanno causato. Strade sporche e piene di fossi ovunque, lavori in corso da anni e mai terminati, tubi arancioni grigi e neri che fuoriescono come strani oggetti in attesa di chissà cosa da tempo immemore, disordine per ogni dove, parcheggi selvaggi e indisturbati, corsie pedonali occupate , smog, rumori, spiagge libere chiuse o negate alla libera fruizione, casa comunale in fatiscenza, servizi pubblici lenti e inadeguati, monopolio su fibra ottica, aumenti TARI , forniture gas nel caos… Ecco, si potrebbe continuare ancora e ancora e ancora nell’elenco delle mancanze e inettitudini di chi ci ha governato fino ad oggi. E allora continuate voi, sono sicuro che potrete aggiungere altro. Buon voto a tutti

Più informazioni su

Commenti

Translate »