Quantcast

Vico Equense, Gennaro Cinque attacca “Su Internet e Banda Larga è stato operato bene”

Più informazioni su

Vico Equense  ( Napoli ) . Dopo gli attacchi di Maurizio Cinque la replica di Gennaro Cinque – “Opinioni e critiche, in campagna elettorale, sono lecite e accettabili. Lo è di meno che, un componente dell’opposizione, esprima giudizi facilmente smentibili. Parlare di riammodernare la rete internet cittadina, infatti, significa non aver seguito, durante gli ultimi 10 anni, gli sforzi fatti dall’Amministrazione che, già nel 2015, riceveva una lettera di elogi da Infratel (società in house del MISE) per la qualità dei lavori svolti.” Così il consigliere regionale Gennaro Cinque (UDC), che su facebook chiarisce alcuni punti in merito alla banda ultra larga e FTTH. “Ad oggi, tutte le scuole e le sedi comunali, presenti sul territorio vicano (Frazioni Vico Centro, Pietrapiano, Sant’Andrea, Massaquano, Moiano, Ticciano, Arola, Montechiaro, Fornacelle e Seiano), – aggiunge Cinque – sono collegate tra loro e alla rete internet così come tutti i plessi scolastici fruiscono di connessioni ad internet di elevata qualità e, soprattutto, di grande stabilità. Non è un caso che DAD e Smart Working – continua Cinque – abbiano funzionato meglio che in altri Comuni. Inoltre, abbiamo un solo Operatore che utilizza le infrastrutture di proprietà dell’Ente perché è l’unico ad aver accettato di sostenere i costi previsti dal regolamento comunale e dalle norme in vigore per l’uso della stessa. Qualunque altro Operatore può, sottoscrivendo analoga convenzione e sottostando ai costi previsti, utilizzare l’infrastruttura. Se nessun altro Operatore decide di investire, la colpa non può essere addebitata all’Amministrazione (si ricordino le battaglie portate avanti con tutti gli Operatori prima dell’avvento dell’Operatore Locale…) né, tantomeno, colpa dell’Operatore Locale (che, per inciso, con l’ingresso di un altro Operatore risparmierebbe il 50% del costo del cavidotto). Il tutto, ovviamente, è documentato dai carteggi presenti negli Uffici dell’Ente e disponibili per tutti i cittadini, ancor più per un esponente del consesso cittadino.

 

L’essere fuori dal Piano BUL, poi, non è una decisione dell’Ente quanto di Infratel che, ricordo, rappresenta il MISE e assegna i fondi per lo sviluppo della Banda Larga. La scelta di togliere Vico dai propri piani, indica che il lavoro svolto non richiede un loro intervento: dallo Scrajo a marina di Aequa passando per Montechiaro arrivando fino al Monte Faito (Santuario “San Michele”) è disponibile una infrastruttura capillare per garantire a ciascun cittadino di potersi collegare con la fibra ottica alla Banda Ultra Larga. Un risultato di eccellenza che sta trovando proseliti anche nei Comuni viciniori. Infine, confondere AGCM (Autorità Garante Concorrenza e Mercato) con AGCom (Autorità Garante per le Comunicazioni) lascia perplessi sulla conoscenza dei fatti. L’intervento di AGCM, infatti, mirante a conoscere la disponibilità residua dell’infrastruttura (libera per 4/6), è stato richiesto da terzi, interessati all’uso dell’infrastruttura ma non ad essere assoggettati al “ristoro dei costi” sostenuti dall’Ente come previsto dalla normativa vigente. Ovviamente, l’Ente non può dare seguito a tale richiesta in quanto, diversamente, si incorrerebbe nel reato di “danno erariale” conclude Gennaro Cinque.

Più informazioni su

Commenti

Translate »