Quantcast

“Un albero per il futuro”, appuntamento il 20 e 21 novembre per la piantumazione di migliaia di alberi

Roma – Anche quest’anno il Movimento Cinque Stelle proporrà per il 20 e il 21 novembre (o la settimana successiva in caso di maltempo) l’evento “Un albero per il futuro”, due giorni in cui il M5s su propria iniziativa proporrà la piantumazione in tutta Italia di alberi e arbusti. I vertici del partito pentastellato tengono però a precisare che quella di novembre non vuole essere un’iniziativa di bandiera e che la proposta è aperta a tutti gli amanti degli alberi e della natura. Il progetto di riforestazione, nato nel 2015, ha raccolto tra i cittadini consensi sempre più entusiastici. Lo stesso ex ministro Sergio Costa ha più volte ribadito durante il suo mandato: “l’Ambiente si governa con l’unità, appartiene al Paese non a un partito”. Anche nel nostro territorio, la Penisola sorrentina, la partecipazione dei cittadini a questo tipo di eventi è aumentata di anno in anno, come si è potuto constatare lo scorso anno grazie all’On. Carmen Di Lauro che promosse “Un albero per il futuro” nelle scuole coinvolgendo studenti e docenti, ponendo nella sua azione l’accento sulla necessità di dedicarsi alla piantumazione degli alberi anche in ambienti urbani e semi urbani per migliorarne la vivibilità e nello stesso tempo far aumentare la consapevolezza nelle giovani generazioni che alla cura dell’ambiente sono chiamati tutti. Ad oggi possiamo rubricare la messa a dimora dal 2015 di 60mila tra alberi e arbusti nelle aree urbane di ben 250 città. A questo va aggiunto, per completezza d’informazione, che con il Governo “Conte 2” sono stati finanziati progetti di riforestazione pari a 30 milioni di euro per le aree metropolitane. Gli alberi aiutano a mitigare la calura estiva, regolano il flusso delle acque piovane, aumentano il valore degli immobili, assorbono CO2 contrastando così il cambiamento climatico, trattengono numerose sostanze inquinanti, contengono l’inquinamento atmosferico e acustico, creano preziose zone d’ombra, sono l’habitat ideale per tante specie di uccelli e piccola fauna selvatica. Popolano parchi, giardini pubblici, viali, aiuole e orti, rendendo più belle le nostre città. Tutti concetti che naturalisti e ambientalisti continuano a ripeterci e che è bene non dimenticare soprattutto dopo un anno come questo che ancora una volta ha registrato incendi disastrosi e il taglio indiscriminato di alberi, che è un attentato alla salute di tutti noi. Al progetto “Un albero per il futuro” si aggiunge quello promosso dal MITE, dicastero guidato dal prof. Roberto Cingolani, “Crea un bosco diffuso con il MITE e i Carabinieri della Biodiversità, in questo caso saranno i Carabinieri Forestali a coinvolgere gli studenti in un percorso triennale di: Conoscenza delle Riserve Naturali dello Stato e Foreste Demaniali, scoperta degli habitat naturali più vicini al proprio territorio e delle specie animali e vegetali che li popolano, conoscenza dei vantaggi per l’ambiente derivanti dalla presenza di più specie arboree e infine ondivisione della posizione delle piante su una mappa digitale per realizzare un unico grande bosco diffuso da nord a sud. Un patrimonio verde di ossigeno e riduzione dell’inquinamento! 

di Luigi De Rosa

Generico ottobre 2021
Progetto “Un albero per il futuro”, Ministero della Transizione Ecologica

Info sito ufficiale: http://unalberoperilfuturo.rgpbio.it

Ministero della Transizione Ecologica: http://www.mite.gov.it

Commenti

Translate »