Quantcast

Salerno, appalti truccati. Indagato il sindaco e arresti domiciliari per Nino Savastano consigliere della Regione Campania

Più informazioni su

Salerno, appalti truccati. Indagato il sindaco e arresti domiciliari per Nino Savastano consigliere della Regione Campania

Gli agenti della Squadra Mobile di Salerno hanno eseguito dieci misure cautelari nell’ambito di un’inchiesta coordinata dalla Procura della Repubblica, guidata dal procuratore capo Giuseppe Borrelli. Gli indagati sono in tutto 29.

Tra i destinatari delle misure cautelari c’è anche Giovanni Savastano, detto Nino, consigliere regionale ed ex assessore alle Politiche Sociali del Comune di Salerno (finito ai domiciliari). Tra gli indagati anche il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, riconfermato lunedì scorso con il 57% (sostenuto da una coalizione civica di centrosinistra), per fatti risalenti alla precedente Amministrazione. Con lui risultano coinvolti anche un dirigente del Comune e un ex presidente di una società partecipata dell’Ente.

Le misure cautelari
Ai domiciliari anche Luca Caselli, dirigente del settore ambiente del Comune di Salerno. In carcere, invece, è finito Fiorenzo Zoccola, presidente di una cooperativa sociale nonché gestore di fatto di diverse altre cooperative che avevano in gestione la manutenzione ordinaria e conservativa del patrimonio del Comune di Salerno. Per altre sette persone è stato disposto il divieto di dimora nel Comune di Salerno: si tratta degli imprenditori di fatto titolari delle cooperative. Gli indagati sono accusati a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata alla turbata libertà degli incanti inerenti l’aggiudicazione dei predetti appalti. A Savastano e Zoccola, inoltre, viene contestato il reato di corruzione elettorale.

Chi è il consigliere regionale arrestato
Giovanni (Nino) Savastano, 62 anni, era stato eletto a Palazzo Santa Lucia in occasione delle scorse elezioni regionali. Candidato nella lista civica Campania Libera – a sostegno del governatore Vincenzo De Luca alle elezioni regionali – era risultato il più votato con 16.569 preferenze nella circoscrizione di Salerno. Nel 2016 era stato rieletto al Comune di Salerno, risultando il più votato in città con 2371 preferenze. Politico da sempre vicino al governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha ricoperto l’incarico di assessore in diverse legislature. Oggi è finito agli arresti domiciliari. Tra le varie accuse ipotizzate dalla Procura della Repubblica di Salerno, c’è anche un’ipotesi di corruzione elettorale.

Sindaco Salerno: “Fiducia nella magistratura”
“In relazione all’indagine in corso, esprimiamo piena fiducia nell’azione della magistratura. Attendiamo sereni gli esiti dell’inchiesta, che ci auguriamo facciano rapidamente piena luce sui fatti contestati”. Lo afferma in una nota il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli.

Più informazioni su

Commenti

Translate »