Quantcast

Roma “apre “ le sua braccia a “Jennifer” ed a “Scena Teatro” . Non solo il Positano Teatro Festival, Ruccello sempre attuale foto

Dunque Annibale Ruccello è sempre attuale, anzia attualissimo, di lui conosciamo tutto grazie agli spettacoli portati da Gerardo D’Andrea nella perla della Costiera amalfitana con il Positano Teatro Festival  , un grandissimo l’attore regista di Castellammare di Stabia morto troppo giovane, che viene interpretato alla grande come ci scrive Antonio Di Giovanni .

A Roma,dopo il grande successo di “Traccia di mamma”,il regista ed attore Antonello De Rosa è stato inserito nella rassegna teatrale invernale con “Jennifer –il Sogno” tratto da “Le cinque rose di Jennifer” di Annibale Ruccello.  Dunque Annibale Ruccello è sempre attuale, anzia attualissimo, di lui conosciamo tutto grazie agli spettacoli portati da Gerardo D’Andrea nella perla della Costiera amalfitana con il Positano Teatro Festival Lo spettacolo si terrà presso il prestigioso  OFF/ OFF THEATRE di Via Giulia a Roma,nei giorni 7-8-9- dicembre,dove si esibiranno in un grande cartello attori del calibro di Pino Strabioli,Vladimir Luxuria,Maurizio Costanzo e tanti altri importanti artisti nazionali .Jennifer è un travestito romantico che abita in un quartiere popolare della Napoli degli anni ‘80. Trascorre la maggior parte del suo tempo chiuso in casa per aspettare la telefonata di Franco, l’ingegnere di Genova di cui è innamorato. In realtà riceve costantemente chiamate – anonime e non – da parte di altre persone e mai da parte del suo amato. Ma Jennifer nei confronti di Franco, che rappresenta proprio il Leitmotiv di questo atto unico,non perde mai il romanticismo, dedicandogli di continuo alla radio “Se perdo te” di Patty Pravo .Intanto l’emittente continua ininterrottamente a riportare notizie di cronaca riguardanti un serial killer che uccide i travestiti del quartiere. La variazione di registro e i passaggi repentini dal drammatico, al tragico e al comico rendono la scena ricca di personalità, ma un tipo di personalità che non stanca mai lo spettatore e Antonello De Rosa,riesce ad “essere” Jennifer. Infatti in uno spettacolo a cui assistette ad Agrigento ,lo scrittore Andrea Camilleri,complimentandosi con il regista ed attore salernitano gli rivolse il più bello dei complimenti che un attore possa sentirsi dire:” Tu non hai interpretato Jennifer,tu sei Jennifer!”.Paura, angoscia, solitudine, delirio: tutte emozioni che si intervallano in questo viaggio interiore di Jennifer, in cui lo spettatore viene immerso. Ma Roma non ha riservato solo la possibilità di recitare ad Antonello De Rosa,ma “Scena Teatro” nei prossimi mesi aprirà con lo stesso regista e la direzione organizzativa di Pasquale Petrosino,una serie di laboratori teatrali in alcuni teatri e location prestigiose  di Roma .Un successo fatto di passione, di professionalita’ ,di duro lavoro,ma soprattutto di grande rispetto per il teatro ed i suoi autori.Viene sancita quindi  la nascita  di un  grande amore,ricambiato ,tra Antonello de Rosa e Roma ,che come una madre,apre le sua braccia ad uno degli migliori attori italiani oggi in scena nel panorama nazionale .

 

 

Commenti

Translate »