Quantcast

Napoli, Koulibaly e razzismo: “Pronto a incontrare chi mi ha offeso”

Koulibaly sembra essere pronto per la sfida di Europa League, ed è importante vincere per arrivare primi ed evitare gli spareggi in periodi di Coppa d’Africa.

20-10-2021

Kalidou Koulibaly, l’insuperabile capitano della nazionale senegalese

Il difensore centrale del Napoli Kalidou Koulibaly ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida di Europa League contro il Legia Varsavia. Un monumente calciatore che mette al centro del suo discorso semplicità e umiltà.Il Napoli ha raccolto un solo punto in due match in questa edizione dell’Europa League – l’ultima volta che i partenopei non sono riusciti a ottenere neanche un successo nelle prime tre gare stagionali in competizioni europee risale al 1989/90 (tre pareggi in Coppa UEFA).

Queste le parole di Koulibaly:

“Loro stanno dietro, ripartono molto bene, l’abbiamo già visto. Se sono primi nel girone non è per fortuna, è perché lo meritano, hanno fatto gol all’ultimo con lo Spartak, ma nell’ultima con il Leicester hanno fatto molto bene. Domani aspetteranno per ripartire, non dovremo dargli niente e dovremo fare gol al più presto, altrimenti servirà pazienza. Con la solidità dietro potremo vincere la partita”.

C’è una grossa differenza tra i goal presi in campionato e quelli presi in Coppa. Parlaci del momento del Napoli in campionato e quale sia la differenza tra le due competizioni:

“Non lo so, in EL ne abbiamo presi tanti e mi dà fastidio perché abbiamo giocatori di livello dietro, ma è un discorso di squadra, di testa. Dobbiamo iniziare ad essere solidi perché sappiamo che davanti con i fenomeni possiamo segnare in qualsiasi momento. Dovremo trovare la stessa solidità del campionato. E’ un altro obiettivo. Io non mi faccio tanti problemi, da domani spero ritroveremo questa solidità”.

“Mi fa piacere, essere il comandante di Spalletti ma sappiamo che tutti sono importanti, dobbiamo dare il 100%, poi il mister mi chiede qualcosa di più, motivare gli altri, già lo facevo di mio ed il mister mi ha detto che la squadra ha bisogno di questo. Nello spogliatoio si sta bene, quando si vince è più facile, stiamo facendo bene e dobbiamo continuare così già da domani”.

Rivalsa in europa occorre fare meglio della scorsa stagione:

“E’ una delle squadre più forti in cui ho giocato, l’anno scorso ci è mancato qualcosa, tanti infortuni, Spalletti è venuto e ci ha detto che siamo un gruppo di campioni. Dobbiamo dimostrarlo sul campo, non sulla stampa. Dobbiamo vincere partita dopo partita, avevo ragione a dire già l’anno scorso che era una delle rose più forti, lo è, ma sappiamo che dopo questo inizio tutti vorranno vincere contro di noi ancora di più”.

Un parere sugli spareggi. Il primo posto nel girone è fondamentale per evitare gli spareggi in periodo di Coppa d’Africa, momento nel quale molti giocatori partenopei saranno impegnati in nazionale:

“L’importante è qualificarsi, sarebbe un peccato non andare avanti, faremo di tutto per essere primi ovviamente, ma non pensiamo troppo lontano, ci sono tante partite prima e metterci bene. Sarà in bilico fino all’ultima gara, poi ci penseremo”.

Sul razzismo cosa pensi:

“L’amarezza di Firenze è superata, i compagni mi sono stati vicini e ho ricevuto tanti messaggi da tante persone. Mi dispiace per quel ragazzo ma non ho dormito per due notti, ho pensato anche di aver sbagliato io. Anche da Firenze mi hanno chiamato per invitare questa persona, nessun problema, sarebbe bello capire cosa è successo nella sua testa ma è importante andare avanti in questa lotta contro il razzismo, ci tengo tanto e qualche passo avanti l’abbiamo fatto”.

Commenti

Translate »