Quantcast

Napoli – ‘cchiùArt PER LA PACE’

Napoli –  Christophe Mourey, allievo di Michel Journiac, artiste plasticien, disegnatore, action drawer e scultore, un francese che vive a Pomigliano D’Arco che ha traovato in Napoli una musa ispiratrice, vincitore di premi internazionali e di una collezione “Monet il grande artificiere” molto apprezzata dalla critica, espone i suoi lavori rivendicando l’appartenenza ad una tradizione pittorica figurativa che ha interesse per le cose concrete, i temi importanti e le storie, presenta presso il Castel Nuovo di Napoli la mostra collettiva d’arte contemporanea, di cui è anche Direttore artistico: “cchiùArt PER LA PACE”. Come recita la nota introduttiva a questa mostra: “In un’epoca in cui violenza, guerra e disgregazione sociale avvelenano la società, Christophe Mourey propone come antidoto l’arte, profondamente convinto dell’idea che alla fine sarà la bellezza a salvare il mondo”.  La mostra si aprirà al pubblico sabato 23 ottobre alle ore 16:00 con ingresso libero. L’esposizione sarà poi visitabile fino al 20 novembre, dal lunedì al sabato dalle ore 8:30 alle 18:00. La mostra è stata realizzata in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Napoli. ‘cchiùArt PER LA PACE’ presenterà trenta opere d’arte. Non solo quelle di artisti emergenti, ma anche lavori di gradi esponenti dell’arte figurativa come Riccardo Dalisi, Pablo Picasso, di cui sarà mostrata una litografia, Mimmo Jodice, Richard Brachais, Salvatore Emblema, Angelo Bonfanti e altri. La mostra ha l’obiettivo di sensibilizzare i visitatori su tematiche delicate di attualità. “Attraversiamo giorni di imperante cinismo in cui la cattiveria è stata sdoganata e il rispetto verso il prossimo viene tacciato di “buonismo”, aggiunge il curatore dell’evento, “ma arrendersi a questa mentalità logora le relazioni umane, dilania la civiltà. Rassegnarsi è un atto di abbandono a una morte antropologica. Scende pertanto in gioco l’arte, determinata a scovare nuove soluzioni: educare le coscienze attraverso le immagini e le emozioni. È possibile? ‘cchiùArt PER LAPACE’ ci crede. Questa collettiva crede sia importante e fondamentale far riscoprire alle vecchie e nuove generazioni il dialogo, il confronto, il rispetto reciproco, la tolleranza, la pazienza, la fratellanza, la lealtà, la democrazia, la solidarietà e la pace. Valori oggi di frequente accantonati perché vivere nella prevaricazione e nell’egoismo spesso è apparentemente più facile per chi ha la fortuna dalla sua parte. Eppure vivere perdendo la propria umanità significa: agonizzare nell’indifferenza e nell’avidità senza che se ne abbia nemmeno la consapevolezza. La realtà diventa bidimensionale. Diventa un contrasto di bianco e nero. Per questo ‘cchiùArt PER LA PACE’ sceglie di puntare su un’esplosione di colori,  di affrontare la quotidianità come una tela a cui accostarsi con una tavolozza ricca di tonalità. Sceglie di riporre le speranze nel potere e la capacità che solo l’arte, nelle sue molteplici forme, ha di toccare gli animi in profondità. È una sfida che si può e si deve vincere”.

A cura di Luigi De Rosa

Generico ottobre 2021
Christophe Mourey, artiste plasticien e direttore artistico di “cchiùArt PER LA PACE”.

Generico ottobre 2021
“cchiùArt PER LA PACE”, collettiva di artisti ospiti al Castel Nuovo.

Generico ottobre 2021
Collezione Monet di Christophe Mourey

Commenti

Translate »