Quantcast

Grande successo per la “Festa della Natura in Città” organizzata dal WWF Terre del Tirreno foto segui la diretta

Sant’Agnello (NA) Ieri il WWF Terre del Tirreno ha presentato l’Urban Nature 2021, la Festa della Natura in città che si celebra ogni anno in tutta Italia il 10 ottobre ma che, causa maltempo, era stata rimandata. L’affluenza dei cittadini, protocolli sanitari permettendo, è stata notevole, dimostrazione del bisogno irrinunciabile, dopo l’esperienza pandemica, degli stessi di occupare parchi a verde, dove poter riconciliarsi con la natura e godere di aria salubre garantita dalla presenza degli alberi, come ci insegna da trent’anni il Presidente del WWF Terre del Tirreno Claudio d’Esposito. L’evento è stato salutato con affetto dal Primo Cittadino, Dr. Pietro Sagristani, che ha sempre dimostrato di tenere particolarmente all’Oasi “Patrizia Veniero” e al verde pubblico trovando un valido aiuto nel giardiniere comunale Giovanni Ferraro. Il programma della giornata ha visto la liberazione di un gheppio, curato dai veterinari del “Il Frullone”, grazie ad alcune Guardie zoofile del WWF, che hanno partecipato alla festa anche con la loro presenza ad un banchetto antibracconaggio, quanto mai prezioso in una terra dove questa pratica vigliacca fa strage di animali ogni anno, quanto mai lontano il concetto di coraggio e rispetto di questi criminali dal racconto del giurista Luigi Luttazzi, che scriveva a inizio secolo: “Il simbolo della nostra stirpe non è il cacciatore che acceca gli uccelli, ma Garibaldi che nella notte tempestosa di Caprera, pieno di dolori fisici, lascia il duro giaciglio per cercare e per salvare una pecora belante e sperduta nel buio”. Dopo la liberazione del rapace, Claudio d’Esposito si è dedicato alle visite guidate, costume pedagogico irrinunciabile con il quale, da sempre, viene presentato ad adulti e bambini, quello che è un vero e proprio gioiello di architettura e design a verde, un giardino che si sviluppa in varie aree tematiche con alberi e piante che vegetano sul tetto di un parcheggio. La colonna sonora della giornata è stata affidata alle musiciste Anna Velichko e Dóra Zsuzsanna Szabó, che hanno reso omaggio alla bellezza di questo giardino con alcune composizioni del Prete Rosso, il grande Antonio Vivaldi. Di fronte al biolago, invece, l’insegnante di Kundalini Yoga, Manuela Maresca, ha tenuto una dimostrazione di questa disciplina millenaria che noi europei possiamo godere da alcuni decenni grazie alla generosità del Maestro Yogi Bhajan, che ha reso pubblica una pratica che fino al 1968 era ancora segreta e appannaggio di pochi. I bambini, invece, sono stati coinvolti dai volontari del WWF Terre del Tirreno in pratiche di disegno con soggetti naturalistici, studio e colorazione delle foglie degli alberi. Ai più piccoli, ha pensato inoltre la mascotte “Orso Panda”, quando la loro attenzione perdeva interesse per l’incanto donatogli da due dolcissime caprette sistemate in un recinto di fieno, immagine iconica a metà strada tra la narrazione favolistica dei Fratelli Grimm e le pratiche di allevamento ovino che anche da noi sono oramai quasi scomparse. Accanto al banchetto dell’antibracconaggio, piantine di ogni genere per la riforestazione erano distribuite a bella posta sulle mensole di una splendida “Giardinetta” d’epoca, al modo dei “floriculteurs parisiens” di piazza Luigi Lépine, della Parigi della seconda metà del Novecento, un tocco di poesia francese che ha fatto da pendant al laghetto presente nel parco, ispirato ad una tela Claude Monet. Infine, la giornata si è conclusa con la presentazione di alcuni brani tratti dal romanzo, di prossima pubblicazione, “Il Pino Sentinella. Quando un albero racconta una storia”, dello scrittore e giornalista Luigi De Rosa, interpretati dall’attore Nio Lauro, testo liberamente ispirato alla storia di un attivista del WWF e del “Pino Sentinella”, scultura lignea realizzata dall’artista Giusy Milone, Accademia delle Belle Arti di Napoli e specializzazione in quella di Brera, sulla statale amalfitana su di un tronco di quattro metri, quello che rimaneva di un pinus pinea di 137 anni. Una giornata che ha registrato la soddisfazione di tutti i partecipanti. La Festa della Natura in città è un appuntamento fondamentale per avvicinare le famiglie non solo alla bellezza ma anche per renderle consapevoli delle problematiche determinate dai cambiamenti climatici e dall’inquinamento, che con la loro partecipazione attiva, contro sprechi e cattive abitudini, possono essere contrastate con più efficacia.

Grande successo per l’Urban Nature 2021 organizzata dal WWF Terre del TirrenoUrban Nature 2021 nell'Oasi in Città di Sant'Agnello (NA)

Ringrazio Riccardo Di Martino per le foto fornitemi a corredo dell’articolo.
Video Positanonews sui social network e su you tube , per la liberazione del Gheppio ringaziamo Rosarya Makeup

Grande successo per l’Urban Nature 2021 organizzata dal WWF Terre del Tirreno

 

Commenti

Translate »