Quantcast

Ctp senza gasolio, l’odissea di un cittadino: “Da Monterusciello per arrivare a via Napoli sono andato a Fuorigrotta”

Più informazioni su

Ennesimo capitolo della saga Ctp, l’azienda di trasporto pubblico della Città Metropolitana di Napoli, alle prese da anni con grossi problemi finanziari. Nell’ultimo anno siamo al terzo stop che subiscono gli autobus, con la conseguenza di lasciare a piedi migliaia di utenti. Problematica particolarmente avvertita nella zona flegrea, dove Ctp svolge il servizio di trasporto su gomma all’interno del Comune di Pozzuoli e nei collegamenti tra il capoluogo flegreo, Quarto e la periferia giuglianese.

A risentire maggiormente del blocco degli autobus della Ctp, rimasti fermi nei depositi, questa volta, a causa dell’assenza di gasolio e della mancata sanificazione, sono i residenti del mega quartiere di Monterusciello. Una vera e propria odissea per chi da Monterusciello deve raggiungere il centro di Pozzuoli. “Chi vive a Monterusciello e non ha l’auto non sa se potrà andare a lavoro – ci dice un cittadino. Io per raggiungere via Napoli ho dovuto fare un giro incredibile. Da piazza De Curtis ho dovuto prendere il bus dell’Eav che è l’unico che funziona regolarmente e che porta via tangenziale a piazzale Tecchio a Fuorigrotta. Lì ho preso la Cumana verso Pozzuoli, per la durata di circa un’ora e mezza mentre occorrerebbero al massimo trenta minuti. In pratica si fa prima ad andare a Roma, piuttosto che raggiungere il centro di Pozzuoli, una situazione che non sta né in cielo né in terra”. Una problematica quella della Ctp, alla quale il neo sindaco di Napoli Gaetano Manfredi, vuole porre immediato riparo. “Con grande disappunto, ho appreso del blocco dei servizi da parte della Ctp, oltre che del fermo totale dei depositi aziendali, a causa della mancata sanificazione dei mezzi e della mancanza di gasolio. L’azienda versa da anni in condizioni finanziarie allarmanti e per questo, appena insediatomi, ho aperto un dossier per affrontare la questione – ha detto nei giorni scorsi il sindaco di Napoli. Non è accettabile che – per scelte errate, assenza di programmazione e cattiva gestione – a pagarne le conseguenze siano i cittadini dell’area metropolitana di Napoli, i lavoratori della Ctp e i fornitori che attendono da anni di vedere saldate le loro spettanze. Già oggi convocherò una riunione con i soggetti istituzionali coinvolti, mettendo al primo punto la garanzia del servizio e la salvaguardia dei lavoratori“.
Inserito da Michele Pappacoda FONTE POZZUOLINEWS

Più informazioni su

Commenti

Translate »