Quantcast

Circumvesuviana, treno in avaria: passeggeri proseguono sui binari. Ecco la spiegazione dell’EAV

Più informazioni su

Napoli, Campania . Un episodio spiacevole è finito nel mirino di molti giornali, dopo che la pagina Facebook satirica “Circumvesuviana, guida alle soppressioni e ai misteri irrisolti” ha sollevato il problema ponendolo all’attenzione dei suoi seguaci. E dal punto di vista satirico ha ben poco.

Il treno si apprestava a raggiungere la stazione di Piazza Garibaldi, quando improvvisamente perde la tensione elettrica andando in avaria. Dopo alcuni minuti fermi,  i passeggeri – che nel frattempo erano alle prese con i controllori – hanno dovuto abbandonare il treno mediante una scaletta. Ed ecco il delirio. Centinaia di pendolari si sono visti costretti a dover utilizzare l’unico metodo più efficace per raggiungere casa: i piedi.

Le foto parlano chiaro: anziani con vistose difficoltà a deambulare. Inutile citare il disagio e il rischio a cui erano sottoposti tali soggetti.

Ecco la spiegazione con un Comunicato EAV – Situazione circumvesuviana

Il forte vento di ieri ha creato problemi al pantografo di un treno che a sua volta ha causato la caduta della linea aerea nel piazzale di porta nolana. I passeggeri a bordo del treno, che si è fermato a poche centinaia di metri dalla stazione di Porta Nolana, hanno preferito (giustamente) non aspettare la soluzione del problema ma scendere a piedi sui binari per raggiungere la stazione in pochi minuti ed andare a lavorare. Il tutto è avvenuto in sicurezza e secondo la normativa. Una situazione certamente spiacevole ma che purtroppo capita, non solo in circumvesuviana ma anche altrove, da Roma a Milano.

Un’azienda ferroviaria funziona su quattro assi.

  1. Equilibrio finanziario: 750 milioni di debiti 5 anni fa, oggi zero;
  2. Il personale: abbiamo fatto 600 assunzioni e continueremo a farle;
  3. I treni: abbiamo ordinato 40 treni nuovi;
  4. L’infrastruttura: stiamo per ricevere 300 milioni  dal PNNR per il rinnovo di tutta la rete vesuviana ed a breve usciremo con un dialogo competitivo al quale parteciperanno – ci auguriamo –  i maggiori player internazionali del settore per una sfida epocale: rinnovare segnalamento e gallerie e rete, senza mai interrompere il servizio.

Un po’ come rifare un palazzo antico senza far uscire gli abitanti del palazzo. Complicato assai ma si può fare. Noi ci stiamo provando.

Più informazioni su

Commenti

Translate »