Quantcast

Ciclista investe e uccide uomo a Meta, la notizia di Positanonews fa il giro del web , ma è stata copiata con tanti errori

Più informazioni su

Ciclista investe e uccide uomo a Meta, la notizia di Positanonews fa il giro del web , ma è stata copiata con tanti errori. Positanonews è un riferimento per la Costa d’ Amalfi e Sorrento, anzi per la Campania, anche nel mondo, spessissimo le nostre notizie vengono riprese, questa volta tantissimi non ci hanno citato . Essendo un fatto di cronaca chiunque può informarsi ed approfondire, se lo avessero fatto veramente, andando sul posto o chiamando i carabinieri e le autorità competenti, come facciamo noi quando non abbiamo una notizia di prima mano, forse non avrebbero fatto tanti errori nel copiarci . Intanto l’incidente non è avvenuto ieri e neanche l’altro ieri, bensì una settimana fa. Non è avvenuto a Meta di Sorrento, ma a “Meta”, non esiste più Meta di Sorrento da un secolo, e ai metesi giustamente fa rabbia vedere storpiato il nome del proprio comune. Anche la dinamica non è stata descritta in maniera corretta e precisa. Le foto poi, anche truculente con uomini investiti e ambulanza, non sono quelle. Il fatto è avvenuto nel centro storico del “Casale”, zona bellissima della Penisola Sorrentina, ma con una strettoia per accedervi. Le foto degli incidenti le mettiamo se vere , non solo per documentare ma anche per sottolineare il pericolo esattamente dove è avvenuto e anche raffigurando chi è perito per sottolineare con forza che si è tranciata una vita . Il giornalismo anglosassone lo fa ancora in maniera più truculenta quando avviene un incidente, e dopo le immagini raccapriccianti chissà come mai diminuiscono gli incidenti, quindi oltre che una funzione documentaristica si ha anche una funzione di utilità sociale. Per fare i click , invece, senza scopo, basta mettere una foto truculenta qualsiasi, ma questo non è giornalismo, fra l’altro ci sono centinaia di siti che si spacciano come giornali, ma basta chiedere l’esibizione del tesserino di giornalista con tutti i bolli pagati anno per anno e vedere in fondo al sito se vi è la registrazione della testata giornalistica in tribunale, anche verificando la cosa consultando il sito dell’ordine dei giornalisti , per capire che si è di fronte a un sito internet qualsiasi e non una testata giornalistica. Più che di fronte a delle fake news siamo di fronte a veri e proprio testate fake che spacciano post per notizie .Per fortuna nessuno ci ha citato come fonte. Sarebbe stato il colmo…

Più informazioni su

Commenti

Translate »