Quantcast

Cava de’ Tirreni: studenti “spazzini” per un giorno

Cava de’ Tirreni: studenti “spazzini” per un giorno. Ce ne parla Giuseppe Ferrara in un articolo dell’edizione odierna del quotidiano La Città di Salerno.

Arrivano dai giovani alunni delle scuole cavesi le proposte per una città più ecosostenibile e maggiormente rispettosa dell’ambiente. Oltre 100 studenti – provenienti dagli istituti scolastici Balzico, Carducci- Trezza, San Nicola, Don Bosco e Santa Lucia – si sono infatti confrontati, venerdì scorso, con le autorità locali per discutere di ambiente e sostenibilità. Un’iniziativa che rientra nell’edizione 2021 del progetto “Puliamo il mondo” sposato dalla sezione locale di Legambiente “Terra Metelliana” e che si è svolta per le strade e nei cortili delle cinque scuole aderenti con la partecipazione degli studenti muniti di guanti e buste per ripulire le strade limitrofe e i giardini degli istituti, e di cartelloni per incoraggiare gli amministratori locali a rendere la città più a misura di pedone. Alla presenza dell’assessore all’Istruzione Lorena Iuliano e dell’assessore all’Ambiente Nunzio Senatore , le classi hanno consegnato proposte che vanno dalla richiesta di piste ciclabili, all’incremento delle aree pedonali, fino al ritorno al Pedibus per andare a scuola a piedi senza inquinare.

«Puliamo il Mondo si è dimostrato un evento straordinario per far comprendere alle nuove generazioni che ciascun cittadino può essere protagonista del cambiamento positivo – ha spiegato soddisfatto il presidente di Legambiente “Terra Metelliana”, Attilio Palumbo – agendo ed elaborando soluzioni per il benessere del territorio in cui vive. Bisogna far capire ai ragazzi che i social media non sono tutto e, soprattutto, a nulla porta passare il tempo su queste piattaforme a criticare il prossimo. È, invece, fondamentale oggi comprendere l’importanza dell’impegno civico, fatto di proposte concrete e di cittadinanza attiva». Tutte le proposte elaborate dai ragazzi sono state consegnate all’amministrazione locale e Legambiente, dal canto suo, ha promesso che rimarrà vigile per verificare che si attuino passi in avanti verso la transizione energetica e l’elettrico, senza dimenticare il bisogno di nuove aree verdi e di ripiantare gli alberi persi durante gli ultimi anni.

Commenti

Translate »