Quantcast

Amalfi: una gita in Costiera per i detenuti psichiatrici

Più informazioni su

Amalfi: una gita in Costiera per i detenuti psichiatrici. Lo scrive Salvatore Serio in un articolo dell’edizione odierna del quotidiano La Città di Salerno.

Quattro detenuti del reparto dell’Articolazione Psichiatrica di Secondigliano hanno avuto la possibilità di visitare la Costiera Amalfitana. La giornata è iniziata con una passeggiata ad Amalfi, accompagnati da volontari e operatori socio sanitari, una gita fatta di piccole cose, semplici ma ricche di bellezza per chi quotidianamente non le vive. Proseguita poi a Minori e pranzo a Maiori presso il Reginna Palace Hotel. L’iniziativa voluta dal garante regionale dei detenuti Samuele Ciambriello in collaborazione con le volontarie dell’associazione “La Mansarda” ha consentito ai quattro detenuti di vivere una giornata diversa, lontana dalle celle. «Questa gita è un’occasione unica spiega Concetta Perrotta , Responsabile dell’Articolazione di Secondigliano – Molti di loro non hanno la possibilità di uscire per mancanza di occasione, non hanno familiari, non hanno strutture che li possono accogliere ».

Un assaggio di quotidianità e di normalità per chi sta pagando i suoi errori. È proprio sulla scia del concetto di cura che la Mansarda si prefigge di promuovere lo sviluppo delle capacità dei soggetti coinvolti, mirando alla crescita personale. Stimolare i detenuti alla scoperta è un modo per immaginare un futuro diverso. «Queste iniziative, queste giornate sono fondamentali per queste persone, producono autostima fiducia in se stessi, e promuovono l’interazione con gli altri, la puntualità, l’affidabilità nella relazione – spiega Ciambriello – Da più parti è stata ravvisata l’esigenza di proporre che la presa in carico delle persone affette da disturbi psichici avvenga preferibilmente fuori dal carcere. Naturalmente, quello che ci si richiede a noi tutti, è la capacità di operare un salto culturale che riporti al centro i diritti dei sofferenti psichici, dentro e fuori ogni muro».

Più informazioni su

Commenti

Translate »