Quantcast

Amalfi, galleria da Castiglione di Ravello, 100 milioni di euro per un progetto inutile per la Costiera amalfitana

Più informazioni su

Da tempo ad Amalfi si sente parlare di un progetto che nelle intenzioni di chi lo propone e lo sostiene, a partire dalla Regione Campania ai sindaci , dovrebbe risolvere il problema del traffico.

Ma è davvero così?

Lo vedremo in una serie di articoli in cui illustreremo punto per punto la follia che sta dietro un progetto faraonico, costosissimo – sulla carta si parla di OLTRE 100 MILIONI DI EURO di fondi pubblici -, che se e quando sarà finito sarà del tutto inutile e, peggio ancora dannoso per Amalfi e la Costiera amalfitana .

Qualcuno ha spiegato ai cittadini in cosa davvero consiste? Cosa è stato fatto fin qui, quanto dureranno i lavori, quali problemi si vorrebbero risolvere, che problematiche ci sono nel progetto stesso, quali sono i rischi e i vantaggi? Qualcuno ha chiesto ai cittadini cosa ne pensano? La minoranza come giudica questo progetto? E i Verdi che tanto hanno combattuto la galleria a Maiori e Minori perché qui tacciono? E qual è il parere dei politici?

Parliamo di un progetto della durata di almeno 10-15 anni se tutto va bene. 10-15 anni di cantieri e di scavi sulla SS163, con decine di camion enormi che transitano ogni giorno, inverno ed estate. Perché di sicuro i lavori non aspetteranno il turismo. E allora già lo prevediamo il caos: camion, pullman, macchine, motorini e cantieri… insomma tutto quello che già conosciamo peggiorato all’ennesima potenza. E per cosa?

Una galleria con ingressi ad Amalfi e Castiglione di Ravello e parcheggi a via delle Cartiere nella Valle delle Ferriere. Tutto per bypassare Amalfi e spostare il traffico agli imbocchi di questa nuova variante stradale, senza pensare ai paesi vicini dove inevitabilmente si scaricheranno il caos e lo smog. Questo ci dimostra che Amalfi non riconosce di essere la causa principale del traffico in Costiera.

Nel frattempo ci aspettano dunque ancora molti anni di caos, traffico, smog, rumore, sul lungomare e nel centro di Amalfi, e con parcheggio selvaggio nella zona delle Cartiere.

Questo megaprogetto non prevede ancora i progetti e i costi dei parcheggi come ipotizzato nel centro storico, che sono indispensabili secondo questa visione, per la risoluzione del gravissimo ed attualissimo problema del traffico.

L’amministrazione comunale intanto ha perso il contributo già stanziato di 28 milioni di euro per le solite lungaggini e dato il costo esorbitante ora previsto e nel prossimo futuro il progetto non potrà rientrare nel PNRR perché anacronistico, non sostenibile, con la realizzazione troppo lunga. Chi mai finanzierà un’opera che non possiede i requisiti minimi per entrare nel futuro dei trasporti che intanto va in tutt’altra direzione? Nessuno, ovviamente. Quindi stiamo perdendo tempo prezioso illudendo tutti i cittadini con promesse che sono irrealizzabili.

Amalfi può davvero permettersi di esporsi a tutto questo, che è solo la punta della montagna dei problemi che vedremo nel dettaglio?

Prossimamente approfondiremo i temi delle tempistiche, dei fondi, dei rischi, delle analisi, degli impatti ambientali, del turismo.

C’è tanto di cui parlare ed è sconcertante che finora ai cittadini non sia stata riportata la realtà di questo progetto.

Più informazioni su

Commenti

Translate »