Quantcast

Viabilità e trasporti a Vico Equense: bus elettrici, car sharing e ZTL. Cosa propongono i candidati sindaco?

Come si può ovviare al problema viabilità e trasporti a Vico Equense? E’ il quesito che si sono posti i quattro candidati a sindaco per la città vicana. Si parla di collegamento con navette e minibus elettrici tra Vico centro e frazioni, car sharing, acquisto online di biglietti di viaggio, istituzione di ZTL e quant’altro. Ecco alcune delle idee contenute nel programma politico di Maurizio Cinque, Giuseppe Ferraro, Peppe Aiello e Giovanni Ponti

Maurizio Cinque

Maurizio Cinque pensa all’ Istituzione/Sperimentazione delle ZTL nel centro cittadino e nelle frazioni.

»Risolvere la problematica dei microparcheggi pubblici e privati, in particolare lungo le principali vie del territorio comunale e della via Raffaele Bosco.

» Istituzione e razionalizzazione dei Parcheggio e stazionamenti per gli autobus privati.

» Incrementare l’offerta di sosta, delle strisce bianche, dei semafori, degli stalli di sosta gialli e rosa.

» Intervenire nella moderazione del traffico.

» Pianificare interventi speciali per la viabilità nella stagione estiva.

» Aprire un confronto continuo, proficuo e costante con l’ANAS e gli altri Enti preposti al fine di risolvere la problematica dei mezzi pesanti, della nuova galleria di S.Maria di Pozzano e dello svincolo di via Murrano, mettendo in essere tutte le iniziative e gli atti ritenuti utili per salvaguardare gli interessi e le prerogative dei cittadini di Vico Equense.

» Effettuare una pressione costante sull’azienda titolare del servizio pubblico di trasporto su rotaia e gomme per un miglioramento non più rinviabile delle condizioni del servizio, del viaggio e delle infrastrutture.

» Creare un Servizio Alternativo di mobilità su gomma, più snello e veloce, incentivando i giovani, at- traverso fondi europei o con l’istituzione, ad esempio, di servizi quali “Taxi collettivi” o “Car Pooling” con l’obiettivo di mettere i cittadini (lavoratori, pendolari, turisti) in condizione di “lasciare la macchina” e preferire il servizio su gomma, con evidenti ricadute sulla viabilità locale.

» Puntare su politiche di Pedibus, Car sharing e Bike sharing soprattutto nel centro cittadino e verso la penisola.

Giuseppe Ferraro

Per l’avv. Giuseppe Ferraro e le sue liste, la soluzione si può rintracciare in “Un nuovo sistema di mobilità urbana, collegamenti capillari ed ecosostenibili. Una ipotesi di lavoro per la proposta di uno studio di fattibilità. È possibile realizzare una rete di mobilità locale che soddisfi le esigenze della vita quotidiana dei cittadini delle borgate così da evitare l’uso delle proprie auto per gli spostamenti dalle frazioni verso Vico centro il ritorno.una soluzione possibile sarebbe di grande utilità anche per il comparto turistico. Alberghi, Bed & Breakfast, case vacanza, potrebbero offrire un servizio indispensabile ai turisti con evidente incremento delle presenze sul nostro territorio. Si può immaginare un sistema di collegamento realizzato con autoveicoli a propulsione elettrica o ibrida di piccole e medie dimensioni tali da consentire il transito anche nelle stradine più strette che costituiscono il sistema viario del paese specie nella zona collinare. Un servizio che funzioni H 24 chiamata singola tipo servizio taxi ma differente perché a gestione locale finalizzato esclusivamente a servire per il tragitto intercomunale. Realizzazione collegamenti verticali meccanizzati (ascensori) tra il centro della città e le spiagge di Vico e sedano.è una visione sostenibile del nostro futuro.”

Peppe Aiello

Le cinque liste a sostegno di Peppe Aiello, invece, puntano ad un paese digitalizzato in termini di trasporti, con la possibilità di acquistare il proprio biglietto online. Per il trasporto locale, tuttavia, si vuole incrementare la sostenibilità del paese, con “biciclette e monopattino elettrici per favorire il trasporto locale” e  “l’istallazione di colonnine di ricarica per rispondere alle seguenti esigenze dei fruitori di auto elettriche, oltre che incentivi nella sosta delle stesse, e supportare così la riduzione di emissioni lotta all’inquinamento.”

Giovanni Ponti

Ponti, invece, si concentra anche sui collegamenti con il resto della penisola e punta “sull’efficientamento dei trasporti e della mobilità pubblica, che possa includere collegamenti da Vico con Meta e la Penisola sorrentina anche mediante servizio pubblico non su rotaie (interazione con EAV per la realizzazione di un servizio bus che colleghi Vico a Meta di Sorrento potendo poi agganciarsi al servizio già esistente che collega mediante bus”.

Commenti

Translate »