Quantcast

Spaccio, indagato membro della Lega, Salvini lo difende. Fedez: “Chiamava Cucchi drogato”

La sorella di Stefano Cucchi, Ilaria: "Ora so che tutte le durissime prese di posizione di Matteo Salvini contro Stefano Cucchi e la mia famiglia hanno un volto: Luca Morisi"

Più informazioni su

Il braccio destro della comunicazione social di Matteo Salvini e la Lega è finito nel mirino della Procura di Verona. Si tratta di Luca Morisi, indagato per detenzione di stupefacenti (i pm di Verona parlano di modica quantità) ma anche di cessione in base alle accuse di tre persone, trovate in possesso di una sostanza che ancora deve essere identificata e che puntano il dito sul guru della comunicazione politica.

Intanto Fedez, che è solito intromettersi in temi di carattere politico e di cronaca, non le ha mandate a dire, rivolgendosi a Salvini come un uomo che andava in giro a citofonare a casa della gente chiedendo se spacciasse o che commentava la sentenza sulla morte di Stefano Cucchi dicendo che la droga fa male. Oggi scopre di avere anch’esso al suo fianco un drogato. Ma che magicamente non diventa un drogato, ma un amico da aiutare a rialzarsi.

Intanto Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, il giovane morto mentre era sottoposto a custodia cautelare, ha replicato sui social: Ora so che tutte le durissime prese di posizione di Matteo Salvini contro Stefano Cucchi e la mia famiglia hanno un volto: Luca Morisi, indagato dalla Procura di Verona per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Così almeno leggo sui giornali. Leggo delle sue pubbliche scuse a Salvini ed al partito: “Ho delle fragilità irrisolte”. Così si giustifica. Quanta gratuita sofferenza ci ha inflitto oltre al dolore per Stefano. Eppure io lo perdono. Lo perdono perchè mi piace pensare che abbia capito e che ora condivida la disperazione che portiamo sulle spalle. Lo perdono. Si. Però Stefano lo hanno ammazzato.

 

Più informazioni su

Commenti

Translate »