Quantcast

Sorrento, Francesco Gargiulo: “La città non può accogliere tutti ma deve puntare ad un turismo di qualità”

Sorrento. Riportiamo l’interessante post pubblicato sulla sua pagina Facebook da Francesco Gargiulo, presidente della Società Operaia di Mutuo Soccorso di Sorrento ed ideatore del movimento civico “Conta anche tu”: «La buona domenica ve la voglio augurare con una piccola riflessione su quando abbiamo visto a Sorrento nel mese di agosto. E’ vero, c’è stata una boccata di ossigeno per tante attività messe in ginocchio dalla pandemia, ma si è giunti ad un grado di invivibilità che il futuro turistico della città non può permettersi. L’asse viario principale è parte della storia della città e risale a secoli addietro. Viale degli Aranci è stato concepito negli anni 60, quando il numero di auto e mezzo in transito erano, forse, nemmeno un terzo di oggi. In queste condizioni non c’è da sorprendersi se il boom turistico del post pandemia abbia portato con sé i soliti disservizi e abbia travolto i residenti come un’ondata di caos e invivibilità. La questione qui non è quella di limitare il turismo, anzi. Io per primo vorrei che le nostre strade fossero sempre piene zeppe di visitatori. Il problema sostanziale è organizzare il turismo e non farsi travolgere da esso. Non mi stancherò mai di dirlo: Sorrento non può e non deve accogliere masse di turisti, come accaduto il mese scorso. Deve ricevere, come ha fatto nei decenni precedenti, un turismo di qualità capace di garantire alti flussi di cassa per tutte le attività pubblico e private, vivibilità per i residenti, e possibilità di sviluppo futuro. Parliamoci onestamente: cosa avranno mai pensato i turisti “di qualità” che sono arrivati durante l’estate? Cosa se non che è impossibile godersi un po’ di relax a Sorrento? Non vogliamo una città caotica perché un boom di questo tipo, nel medio lungo termine, non può che avere ripercussioni negative sul futuro economico e sociale di Sorrento. Gli imprenditori, i lavoratori dipendenti, le famiglie e i turisti, meritano una programmazione e delle scelte forti in campo turistico che garantiscano un avvenire per tutti noi e per i nostri figli che duri negli anni. Buona domenica a tutti e un forte abbraccio a tutti quelli che in questo momento sono lontani dalla nostra Sorrento».

Sorrento, Francesco Gargiulo: “La città non può accogliere tutti ma puntare ad un turismo di qualità”

Commenti

Translate »