Quantcast

Salernitana: presentazione del campione Francese in grande stile allArechi segui la diretta

Più informazioni su

    La Salernitana 2021/22 con la “ciliegina sulla torta” Ribéry ha abbracciato virtualmente i suoi tifosi questo pomeriggio all’Arechi. Giornata afosa, orario sicuramente non dei migliori: l’appuntamento alle 16 è stato necessario perché lo stadio è ancora un cantiere. Mentre la squadra sfilava in campo e il pubblico festeggiava, infatti, gli operai hanno continuato ininterrottamente a lavorare per l’installazione dei nuovi fari a led. Le torri dei riflettori, infatti, sono apparse desolatamente spoglie per gran parte, senza fari. Contorno di gru, operai al lavoro anche sugli spalti e in tribuna stampa (potenziamento videosorveglianza e rete wifi). Un’eccezione che il Comune di Salerno ha fatto – quella di aprire l’impianto – proprio per la presenza del nuovo acquisto francese.

    Cancelli aperti dalle 15, un’ora prima, con già delle file all’esterno da parte di tifosi impazienti e incuranti del caldo. Aperta in extremis anche la tribuna, mentre inizialmente dovevano essere varcabili solo i cancelli di curva sud e distinti. Non ci sono dati ufficiali sui presenti: a occhio e croce sembrano esserci 6-7mila persone, perlopiù in tribuna. Assenti i calciatori convocati in Nazionale (Belec, Kastanos, Lassana Coulibaly, Kechrida, Ruggeri e Strandberg), applausi e grande entusiasmo per tutti, meno che per Luca Ranieri: fischi per l’ex spallino da parte della tifoseria, memore dei fatti dello scorso anno. Il giocatore ha alzato le mani e ha preso la parola al microfono: “Giusto, capisco tutto, spero di dare tutto per poter trasformare questi fischi in applausi”. Parla anche Ribéry: “Sono felice di essere qui con voi, con lo staff, con la squadra, con il mister. Io vi dico che darò tutto me stesso per aiutare i miei compagni e raggiungere la salvezza. Grazie”.

    fonte salernitana news

    Più informazioni su

      Commenti

      Translate »