Quantcast

RECITAL DI ALESSIO ARENA A PIANO DI SORRENTO

NINNA NANNA DELLE MOSCHE (Fandango Libri) è l’ultimo romanzo del cantautore e scrittore ALESSIO ARENA il cui RECITAL andrà in scena presso l’Antica Serra Floreale dei Principi, nella splendida location di VILLA FONDI A PIANO DI SORRENTO, GIOVEDÌ 23 SETTEMBRE ALLE ORE 19,30.

Ninna nanna delle mosche è la storia di un amore rivoluzionario tra due contadini di una comunità del sud Italia nei primi anni del secolo scorso. Come una canzone affascinante e pericolosa, la passione tra Berto e Gregorio prima li separa e poi li porta alla fine del mondo, nel deserto di Atacama in Cile. Uno spazio, quasi metafisico, in cui realtà, sogni, sentimenti, riti e usanze di mondi culturali antichi che mescolano e trasfigurano sacro e profano, si inseguono e sfuggono attraverso viaggi tra terre lontanissime eppure indissolubilmente legate dalla forza di amori e dalle aspirazioni al superamento della misera condizione di vita di ogni singolo personaggio della storia.

Ninna nanna delle mosche è un viaggio di voce, chitarra, racconto sonoro e linguaggio audiovisivo. In scena, Alessio Arena riprende i fili della memoria musicale del Mediterraneo e della cultura cilena, servendosi del linguaggio audiovisivo (alla maniera delle vecchie sonorizzazioni del cinema muto) e partendo da un’idea di letteratura performativa.

L’evento curato da Mariella Nica e Franco Maresca che introdurranno la performance dell’artista, è inserita nell’ambito degli eventi “Estate Blù Città di Piano di Sorrento” curati dalla dott.ssa Carmela Cilento, Assessora alla Cultura, Turismo e Spettacolo e dal Sindaco dott. Vincenzo Iaccarino.

Il libro è già disponibile presso la Libreria L’Indice (Corso Italia 81 Piano di Sorrento) di Luigi De Rosa che allestirà un banchetto vendita durante l’evento a Villa Fondi, e al termine del Recital l’Autore si intratterrà con il pubblico per foto e firme del libro.

Dice Arena: “Perché scegliere di raccontare in “Ninna nanna delle mosche” la storia di un amore negato (e coraggioso e rivoluzionario) tra due uomini che cambiano il loro piccolo mondo nel 1927? Perché siamo nel 2021 e a Madrid (capitale di diritti per la comunità LGBTIQ+) otto tipi incappucciati inseguono un ragazzo, lo picchiano, gli incidono la parola “Maricón” (frocio) su una natica. La minaccia è sempre uguale: azzardati a essere te stesso, a essere diverso da noi, e finirai male.

ALESSIO ARENA (Napoli, 1984) è scrittore, cantautore e traduttore. Studioso appassionato di letterature in lingua spagnola e docente, vive tra l’Italia e la Spagna conciliando progetti letterari, musicali ed educativi che cercano di relativizzare le frontiere tra queste tre aree. Vincitore della XXIV edizione di Musicultura e di diversi riconoscimenti al Premio Andrea Parodi dedicato alla World Music (tra cui il Premio della critica), è autore e interprete di quattro album plurilingue, e di testi e musiche per il teatro e per altri interpreti. I suoi romanzi sono: L’infanzia delle cose (Premio Giuseppe Giusti Opera Prima) Il mio cuore è un mandarino acerbo, La letteratura Tamil a Napoli (finalista al Premio Minerva, secondo classificato al Premio Neri Pozza) e La notte non vuole venire (Fandango Libri) ispirato alla vita della cantante napoletana emigrata in America Gilda Mignonette.

Mariella Nica

Generico settembre 2021

Commenti

Translate »