Quantcast

Psg-Manchester City 2-0, Messi segna il primo gol con il club

Gigio Donnarumma titolare e decisivo schierato al posto di Keylor Navas dal primo minuto, grandi parate
Splendida rete dell’argentino dopo il vantaggio di Gueye, l’assist è di Mbappé.

Guardiola domina per lunghi tratti  ma alla fine è Pochettino a sorridere

Gueye sblocca dopo 8 minuti   poi si esalta la difesa dei parigini fino al raddoppio di Leo, alla prima rete con la nuova maglia
Doppia traversa (Sterling e Silva)   per il City sullo 0-1   Male l’arbitro

I l primo sigillo è di pura bellezza: un lampo, improvviso, dopo una partita tutto sommato mediocre. Leo Messi s’è sbloccato nella serata più importante, ha segnato il 2-0 del Psg al Manchester City, ha festeggiato come un ragazzino e ha ritrovato il sorriso delle notti speciali. Pochettino s’è preso una piccola rivincita su Guardiola dopo l’eliminazione dalla scorsa semifinale di Champions. Conta poco a questo punto della stagione, ma dopo il pari di Bruges per il Psg era importante vincere e non lasciare altri punti per strada. L’ha fatto contro un buon City, messo bene in campo, ma poco cattivo sotto porta. Pep ha tenuto in mano la partita, ma s’è dovuto arrendere alle parate di Donnarumma e all’imprecisione dei suoi attaccanti.

SUBITO GUEYE. Nella serata delle stelle al Parco dei Principi il Psg si presenta con Gigio tra i pali e al debutto in Champions, il tridente Messi-Neymar-Mbappé in attacco e il rientrante Verratti a centrocampo. Guardiola risponde con Sterling al centro di un attacco completato da Mahrez a destra e Grealish a sinistra. Stesso sistema di gioco, sulla carta, ma diverse attitudini: il City controlla il gioco per larghi tratti, difende alto, si allarga spesso perché centralmente non sfonda, ma viene colpito quasi a freddo da Gueye, che piazza all’incrocio un cross basso di Mbappé dalla destra e ciccato in precedenza da Neymar. Un gol che arriva dopo 8’ e costringe la squadra di Guardiola a inseguire, mentre il Psg s’affida per forza di cose al contropiede.

DOPPIA TRAVERSA. Donnarumma compie tre parate, neanche troppo complicate, ma ringrazia la sorte e l’imprecisione del City quando al 26’ Sterling colpisce la traversa con un colpo di testa su cross di De Bruyne. Sul rimbalzo Bernardo Silva fa incredibilmente lo stesso, di sinistro, da poco più di un metro. Scampato il pericolo, il Psg ha la palla del 2-0, su altra invenzione di Mbappé, ma con Herrera, che costringe Ederson alla deviazione in angolo. Il tutto mentre Messi fatica ad accendersi e Del Cerro Grande, l’arbitro spagnolo dell’incontro, prende tre sviste notevoli: non valuta da rigore due trattenute in area di Gueye, la prima su Laporte, l’altra su Ruben Dias, poi estrae solo il giallo quando De Bruyne entra col piede a martello sul polpaccio del centrocampista parigino. Non l’aiuta nemmeno il VAR, Martinez Munuera. Una frittata tripla che porta il match all’intervallo tra le proteste di entrambe le squadre.

IL PRIMO DI LEO. La ripresa ha lo stesso copione, ma senza errori arbitrali. Donnarumma è bravo a respingere coi piedi un destro di De Bruyne, servito in verticale da Mahrez. Neymar, invece, s’incarta con il pallone nell’area inglese quando avrebbe potuto provare l’assist per Mbappé. L’astio dimostrato durante la gara di campionato con il Montpellier è però acqua passata e il fuoriclasse francese non si deprime, anzi, continua a proporsi per scambi, pressa,corre come un forsennato per tutto il campo e a un quarto d’ora dalla fine, dopo un triangolo con Messi, serve alla Pulga l’assist di tacco che l’argentino infila sotto la traversa per il 2-0. Una delizia per il Parco dei Principi, che poi si esalta nel finale per le giocate di Donnarumma: Gigio esce in un paio di occasioni con sicurezza sui cross tagliati degli inglesi, poi con un gran riflesso nega a Mahrez il gol che avrebbe potuto riaprire la partita. Ciliegina sulla torta su quella che per i parigini è stata una serata perfetta.

fonte:corrieredellosport

Commenti

Translate »